Grave lutto per Massimo Giletti: è morto il padre Emilio

Il conduttore televisivo perde il padre Emilio, imprenditore biellese

Morto Padre Massimo Giletti
Morto Padre Massimo Giletti

All’età di 90 anni Emilio Giletti, padre del noto conduttore Massimo Giletti, si è spento all’sopedale di Novara per cause naturali. Il decesso è avvenuto nella tarda mattinata di oggi. Emilio era un volto noto nella zona del Biellese grazie alla sua azienda Giletti SPA, leader nella produzione di filati. L’azienda di famiglia era stata fondata nel 1884.

Nel passato di Emilio Giletti ci sono anche le auto e la sua carriera da pilota. L’imprenditore, infatti, ha alle sue spalle una carriera da pilota per Ferrari e Maserati tra il 1951 ed il 1955.

Emilio Giletti

Emilio Giletti , che avrebbe dovuto compiere 91 anni il prossimo Aprile è padre anche di Emanuele e Maurizio, fratelli gemelli del noto conduttore televisivo. Lascia la moglie Giuliana. Amava lo sport in generale ed era anche un sostenitore della società calcistica ex Stella Alpina a cui forniva tutto il materiale necessario per allenamenti e partite di calcio.

Di lui si ricorda anche l’accordo che fece con il Comune per dare vita al “Pala Giletti”, una struttura sportiva nata grazie all’investimento della famiglia Giletti e in particolare del padre Emilio. Inoltre, è bene far notare come la famiglia aveva inoltre fondato il primo corpo dei Vigili del fuoco aziendale a Ponzone.

Massimo Giletti, come lui stesso ha raccontato, ha lavorato da piccolo nell’azienda del padre, faticando e imparando il mestiere: «Lavoravo nell’azienda di famiglia. Poi ho deciso di fare il giornalista: fino al 1999 d’estate lavoravo nell’azienda di papà ogni estate. Ricordo la fatica di aprire 10mila chili di balle di cotone. Le sfilacciavo e le inscatolavo. I dipendenti di papà andavano in ferie. Perché lo facevo anche se non ne avevo bisogno? Soltanto in questo modo capisci cosa vuol dire guadagnarsi la vita».

Non sono ancora stati resi noti i dettagli del funerale ma sembra che già da domani la camera ardente possa essere allestita all’interno dell’azienda situata nella Frazione Ponzone di Trivero

LEGGI ANCHE: Giancarlo Magalli contro Chiara Ferragni: “Guadagna miliardi ma non sa fare niente”