Grigliata al cimitero di Melilli, individuati e denunciati i responsabili

È di quattro giorni fa la notizia della grigliata nel cimitero di Giardino, frazione di Melilli, in provincia di Siracusa.

La foto che ritrae un signore che armeggia davanti a un barbecue, a pochi passi da una tavola apparecchiata vicino alle tombe, ha fatto il giro del web.

Sulla vicenda è intervenuto perfino il sindaco di Melilli, Giuseppe Carta:Sono indignato e mortificato per quanto accaduto e abbiamo già attivato gli uffici competenti per chiedere alla proprietà del cimitero di relazionare e soprattutto di prendere provvedimenti per tale gesto. Stiamo valutando l’opportunità delle vie legali per salvaguardare l’immagine del comune. Sono dispiaciuto per i parenti e amici dei defunti che riposano in quella fetta di cimitero“.

Ebbene, i Carabinieri della stazione di Priolo Gargallo, dopo qualche giorno di indagini, hanno individuato i responsabili della grigliata.

Si tratta di quattro uomini (27, 48, 53 e 61 anni) dipendenti della ditta incaricata della manutenzione del luogo e delle incisioni sulle lapidi.

Tutti incensurati.

I quattro dovranno ora rispondere di violazione di sepolcro, articolo 407 del Codice Penale.

I denunciati hanno approfittato dell’assenza del custode del cimitero – che era in malattia – per intromettersi nel cimitero e dare luogo a una mangiata decisamente macabra e inopportuna.

Il motivo? Alla base ci sarebbe la volontà dei denunciati di immortalare il gesto e diffondere foto e video sui social network.

Insomma, una messa in scena per fare parlare di sé su Facebook. E ci sono riusciti ma nel modo peggiore.