Guerra in Ucraina, padre costretto a lasciare la famiglia, il video straziante

Le immagini hanno fatto il giro del mondo

Mentre sono in corso combattimenti a nord di Kiev, capitale dell’Ucraina, e il presidente Volodymyr Zelensky ha decretato la mobilitazione generale dell’intero Paese, agli utenti di Internet si è spezzato il cuore di fronte a un video che è diventato virale.

Un padre costretto a lasciare la sua famiglia dà un addio straziante

Un addio difficile. Un video diventato virale su Twitter ha commosso gli utenti del web di tutto il mondo. Nelle immagini pubblicate dal sindaco di Gorlovka, città del Donbass invasa dai russi, un padre ha salutato la sua famiglia. Il video mostra un papà ucraino singhiozzante che saluta la figlia angosciata e triste. L’uomo bacia un’ultima volta la figlia e la moglie prima di salutarle.

Tuttavia, il video, visto milioni di volte, è stato condiviso il 21 febbraio e il contesto rimane un po’ confuso. Alcuni media, come il Daily Mail, affermano che le immagini sono state “filmate da una zona sicura” e che il padre “è rimasto dopo che il presidente ha deciso che tutti gli uomini dai 18 ai 60 anni non possono lasciare il Paese”.

Tuttavia, se il video risale al 21 febbraio, il presidente ucraino non aveva ancora mobilitato l’intero Paese. In realtà, dovrebbe fare riferimento all’evacuazione del Donbass e quel genitore è rimasto lì per combattere i russi.

Mobilitazione generale in Ucraina

La guerra si intensifica nel secondo giorno dell’invasione. Questo venerdì, 25 febbraio, i combattimenti sono ancora in corso a Kiev, la capitale dell’Ucraina. Scambi di fuoco ed esplosioni si sono sentiti questa mattina nel centro della città, costringendo i residenti alla fuga. Per contrastare le forze russe, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha decretato la mobilitazione generale.

“La mobilitazione deve essere effettuata entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto”. Pertanto, tutti gli uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni non possono lasciare il Paese ai sensi della legge marziale. Una situazione drammatica, di fronte alla quale l’Ucraina “si sente sola”.

LEGGI ANCHE: Federica Pellegrini insultata a Jesolo, come ha reagito la nuotatrice.