I cani non amano gli abbracci. Ecco perché

Gli abbracci hanno un potere terapeutico. Rafforzano l’autostima, allentano il nervosismo, aiutano a non sentirsi soli e donano allegria. E poi sono una dimostrazione d’affetto. E a noi uomini piacciono davvero tanto.

Così tanto che nei momenti di slancio incontenibile potremmo abbracciare tutti. Persino il nostro cane.
Ecco, meglio non farlo. Secondo quanto riportato in uno studio curato dal dottor Stanley Coren, specializzato in comportamento canino alla University of British Columbia, sembra che gli abbracci creino ansia nei nostri amici a quattro zampe.

Il motivo è presto spiegato: il cane, stretto fra le braccia del padrone (o di chiunque altro) ha l’impressione di essere in trappola e di non avere vie d’uscita.

Nonostante questo stato di malessere, i cani non si ribellano alla tortura dell’abbraccio, ma comunque inviano segnali che è bene individuare subito.

Prima di tutto girano la testa dalla parte opposta alla fonte di stress (il padrone), poi mostrano la parte bianca degli occhi (invisibile di solito), e infine abbassano le orecchie.

Si tratta di atteggiamenti che i cani assumono non solo quando li si abbraccia, ma in tutte le situazioni in cui non si sentono a proprio agio.

Meglio, dunque, una grattatina!

Leggi anche: gli anziani con un cane hanno una salute migliore.