I consigli per comprare un veicolo commerciale: dai furgoni agli autobus

Quando si ha intenzione di comprare un camion usato, uno dei primi aspetti di cui ci si deve preoccupare ha a che fare con la scelta del venditore: insomma, a chi ci si deve rivolgere per riuscire a trovare mezzi in linea con le proprie aspettative? Solo dopo aver preso in considerazione questo fattore è possibile porsi molte altre domande, le cui risposte permetteranno di trovare un tir poco costoso ma molto affidabile in strada. A tal proposito, è utile interrogarsi su quale sia l’età massima oltre la quale non si dovrebbe andare. Gli addetti ai lavori sono concordi nel ritenere che un mezzo pesante che abbia alle spalle più di sei anni dovrebbe essere scartato. Una particolare attenzione va riservata anche al chilometraggio: meglio non andare oltre i 500mila chilometri già percorsi.

Dove trovare camion di seconda mano

I piccoli concessionari al dettaglio sono un importante punto di riferimento per i potenziali acquirenti, ma una valida alternativa può essere individuata anche nei grandi broker che propongono tir alle imprese e alla clientela business. Per scegliere l’interlocutore più giusto conviene anche pensare alla forma giuridica della propria società, se si tratta di una impresa di autotrasporti; viceversa, le ditte individuali e gli imprenditori si possono rivolgere senza problemi ai piccoli concessionari. Le grandi aste rappresentano una ulteriore possibilità da non scartare, mentre il mondo del web è una risorsa preziosa, fonte di offerte e opportunità che meritano di essere colte al volo.

La compravendita di camion usati su Tradus

Un esempio in tal senso è quello che proviene dal marketplace Tradus, dove è possibile trovare in vendita non solo camion e furgoni, ma anche autobus usati, trattori e molti altri mezzi per il lavoro o per il trasporto su gomma. Chi è alla ricerca di un tir di seconda mano ha l’occasione di esplorare un catalogo di proposte decisamente ricco e in costante aggiornamento, di cui fanno parte anche i van e i rimorchi. I veicoli sono classificati sul sito in varie categorie, così che gli utenti abbiano la possibilità di effettuare qualsiasi ricerca con la massima facilità e in tempi rapidi.

Come cercare un mezzo pesante su Tradus

La procedura da seguire per effettuare una ricerca su Tradus.com non è complessa, anche perché è possibile filtrare i risultati in base al marchio, alla fascia di prezzo, al Paese di provenienza o al sistema di trasmissione, automatico o manuale. L’assortimento di inserzioni coinvolge mezzi di tutti i tipi, compresi i trattori e i camion frigo. Il bello di questa piattaforma è che è globale: questo vuol dire che se non si trova niente di gradito in Italia si può ampliare la propria esplorazione anche oltre i confini nazionali. I camion e i mezzi destinati ai lavoratori del comparto agricolo si alternano alle gru, agli scavatori e ai bulldozer: come dire, ce n’è per tutti i gusti e per tutte le necessità.

La rinascita dei camion esteri nel nostro Paese

Stando a ciò che si può dedurre dai dati Acea, nel nostro Paese l’età media del parco mezzi pesanti è di poco superiore ai 13 anni: un valore che desta qualche preoccupazione, soprattutto se si pensa che la media europea non raggiunge i 12 anni. Sono più di 7mila le prime iscrizioni in Italia di mezzi che arrivano da fuori essendo già targati: il principale Paese di provenienza è la Germania, da cui arrivano 4 veicoli su 10. Più di un migliaio di camion, invece, giunge dai Paesi appena entrati a far parte della Ue.

Da Euro 3 a Euro 6, la distribuzione dei mezzi pesanti

Il volume di camion Euro 6 è piuttosto considerevole, con più di 900 autocarri, la maggior parte dei quali è stata immatricolata nel 2014 e nel 2015: anche in questo caso la provenienza è soprattutto tedesca. Per quel che riguarda gli Euro 5, invece, essi coprono il 61 per cento della quota complessiva dei tir già targati immatricolati da noi per la prima volta ma arrivati da fuori. Gli Euro 4 sono il 7 per cento, mentre gli Euro 3 rappresentano il 12 per cento.