TerzoWEB.com

Idraulico picchiato e costretto a baciare i piedi della principessa saudita Hassa Bin Salman

I fatti risalirebbero al settembre 2016 e avvenuti a Parigi dove si è aperto il processo in contumacia.

Hassa Bin Salman
Hassa Bin Salman

Un idraulico sarebbe stato picchiato, legato e costretto a baciare i piedi della principessa saudita Hassa Bin Salman, sorella del principe Mohammed, durante i lavori di ristrutturazione avvenuti nel settembre 2016 a Parigi nell’appartamento della donna.

Il processo in contumacia si è aperto in questi giorni nella capitale francese.

La colpa dell’uomo? Una fotografia non gradita (e non dei lavori eseguiti male come si legge in alcune testate) che, secondo la principessa, l’operaio avrebbe poi voluto vendere alla stampa.

L’idraulico, Ashraf Eid, sarebbe stato colpito ripetutamente da una guardia del corpo della principessa, 43 anni, e sarebbero state pronunciate queste parole: “Uccidilo, è un cane, non merita di vivere“.

Hassa Bin Salman e il fratello.
Hassa Bin Salman e il fratello.

Emmanuel Moyne, avvocato della principessa, ha negato tutte le accuse, tra cui violenza armata, sequestro di persone e furto (degli strumenti di lavoro dell’operaio). Inoltre, ha spiegato che è stata rifiutata la proposta di interrogare l’imputata in videoconferenza.

La principessa non è stata fermata, nonostante il mandato di arresto internazionale emesso nel novembre 2017.

Leggi anche: Come sarebbe oggi Lady Diana se fosse ancora viva.