Il cane della compagna lo morde e lui gli dà fuoco: arrestato

Il fatto è avvenuto a Rivoli, in provincia di Torino.

Il cane della compagna lo morde: lui lo uccide a coltellate e gli dà fuoco. L’inquietante fatto ha avuto luogo a Rivoli. Protagonista è un uomo di 43 anni, che è finito in manette.

I carabinieri avvertiti da un passante

I carabinieri della stazione di Rivoli, uno dei Comuni dell’hinterland torinese, sono stati avvertiti da un passante. Quest’ultimo ha deciso di chiamare le Forze dell’Ordine allarmato dopo aver visto il reo per strada con un coltello e trascinando l’animale, gravemente ferito ma ancora vivo.

LEGGI ANCHE: Bambina di 3 anni trovata morta in una piscina

L’uomo che ha chiamato le Forze dell’Ordine ha sentito il cane emettere dei guaiti e ha visto il 43enne ‘rispondergli’ colpendolo con il coltello. Una volta intervenuti, i carabinieri hanno avuto modo di ricostruire i fatti.

Come sopra ricordato, l’animale aveva poco prima morsicato l’uomo, che aveva reagito con estrema violenza. Secondo quanto rivelato dagli agenti, dopo l’aggressione l’uomo ha preso il coltello e ha colpito più volte l’animale. Successivamente, ha dato fuoco alla carcassa utilizzando dell’alcol etilico.

Non appena ha visto arrivare i carabinieri, ha cercato di eliminare le prove del reato: ha infatti tentato di gettare il corpo del povero animale in un cassonetto e, per difendersi, ha provato a parlare di un decesso avvenuto per cause naturali.

I carabinieri della città piemontese hanno però insistito. Incalzato, il 43enne ha affermato, mentendo, che il cane fosse suo. I militari non gli hanno ovviamente creduto. L’uomo è stato arrestato e incriminato per uccisione di animale, porto abusivo di armi e resistenza al pubblico ufficiale. La carcassa del povero animale è stata recuperato dai veterinari dell’Asl di zona.

LEGGI ANCHE: Cagnolina investita e uccisa da un’auto pirata: il suo compagno la veglia