Il figlio fuma uno spinello, il padre gli dà uno schiaffo e viene denunciato

È stato denunciato per abuso di metodi di correzione e rischia fino a sei mesi di carcere. È successo ad un uomo incensurato di 40 anni reo di aver dato uno schiaffo al figlio minorenne.

La storia arriva da Cattolica, nota località turistica della riviera romagnola. Durante un controllo di routine nel parco pubblico della cittadina, i Carabinieri hanno sorpreso un quindicenne mentre fumava una canna. I militari hanno, quindi, portato il ragazzo in caserma e convocato il padre, come vuole la prassi.
Quando il genitore è arrivato e ha appreso dai Carabinieri quello che era successo, non è riuscito a trattenere la rabbia e ha dato un ceffone al figlio. I militari, a quel punto, hanno denunciato l’uomo per abuso di metodi di correzione.

La denuncia mi pare esagerata – ha dichiarato l’avvocato dell’uomo, Alessandro Totti – perché il mio assistito mi ha raccontato che si è trattato di un gesto di rabbia. Immaginate lo spavento di una persona che viene convocata per telefono dai carabinieri per riprendersi il figlio senza troppe spiegazioni, aggiungete il fatto che anche il figlio maggiore aveva avuto problemi analoghi e quella reazione, per quanto sbagliata, diventa in qualche modo comprensibile. È un uomo che lavora tutto il giorno, sperava di non avere più a che fare con problemi causati dai figli”.