Il film sul caso Pamela Prati si farà, parola di Gianni Ippoliti

Il regista rispedisce al mittente la diffida della Prati e annuncia battaglia sulla realizzazione del cortometraggio.

È ormai chiaro: sentiremo parlare del Pamela Prati gate anche questa estate. Tutta colpa di Gianni Ippoliti e del suo cortometraggio ‘Mark Caltagirone: una storia italiana’.

Come sappiamo, una breve clip del film doveva essere proiettata in anteprima il 26 luglio al Festival del Cinema di Maratea, ma potrebbe non essere così perché la showgirl, attraverso i suoi legali, ha diffidato l’organizzazione della kermesse dal farlo giudicandolo “altamente lesivo”.

Il condizionale è d’obbligo perché il regista Gianni Ippoliti è sul piede di guerra e non intende mollare la presa.

Non finisce qui – ha detto Ippoliti all’Adnkronos – devo vedere alcune persone del mondo cinema alla conferenza stampa di presentazione del cartellone della mostra del cinema di Venezia. Chiederò a loro qualche consiglio su come muovermi. È altamente lesivo su che base? Io non sono mai stato diffidato né querelato, la diffida è arrivata al festival non a me. Se trovo la location giusta per proiettare il trailer, la Prati sarebbe la benvenuta. Così si renderebbe conto che il mio film non ha niente di lesivo. La trama si basa su tutto quello che abbiamo visto e sentito. Nulla di più. I protagonisti in preda a difficoltà economiche si accusano l’uno con l’altro e Mark Caltagirone esiste e si vuole sposare”.

Insomma, Ippoliti non desiste anche se non si sbilancia sulla data di uscita: “Non lo so ancora – ha detto – la vicenda ogni giorno si riempie di colpi di scena. Con l’apertura dei palinsesti invernali sono sicuro che usciranno altre cose perciò preferisco attendere gli eventi“.

Leggi anche: Carlo Taormina shock: “Pamela Prati sapeva tutto”.