“Il mio cuore è innamorato”, parroco lascia la tonaca

La storia di don Riccardo Ceccobelli.

Durante la messa domenicale un sacerdote ha annunciato ai fedeli riuniti nella chiesa di Massa Martana (Perugia) di essersi «innamorato» e di avere chiesto la dispensa dal celibato sacerdotale e la riduzione allo stato laicale. Questa la scelta del parroco don Riccardo Ceccobelli.

La vicenda è riportata da La Nazione. L’annuncio è arrivato con accanto il vescovo, monsignor Gualtiero Sigismondi e i frati del terzo Ordine regolare di San Francesco che da oggi saranno amministratori della parrocchia.

Don Riccardo – in base a quanto scrive il quotidiano – vuole lasciare l’abito sacerdotale e tornare alla vita civile.«Rimango a disposizione della Chiesa – ha detto – e cerco un lavoro». Il sacerdote ha 42 anni ed è stato ordinato sacerdote il 18 marzo del 2012 a Pantalla, frazione di Todi, di cui è originario.

LEGGI ANCHE: Festa al ristorante in zona bianca, 81enne muore di Covid-19.

«Non posso non continuare a essere coerente, trasparente e corretto con essa come finora sono sempre stato. Il mio cuore è innamorato seppure non abbia mai avuto modo di trasgredire le promesse che ho fatto. Voglio provare a vivere quest’amore senza sublimarlo, senza allontanarlo», ha spiegato il parroco alla comunità che ha guidato finora.

«A don Riccardo la mia gratitudine per il servizio svolto finora e soprattutto, il mio augurio più sincero perché questa sua scelta (compiuta con piena libertà, come lui stesso mi ha confidato) possa assicurargli serenità e pace – ha aggiunto mons. Sigismondi – A voi, carissimi fratelli e sorelle, rivolgo questo appello: non abbiamo il diritto di commentare quanto don Riccardo ha deciso, ma piuttosto il dovere di non fargli mancare l’abbraccio della preghiera».

LEGGI ANCHE: Miguel Bosé e il negazionismo sul Covid-19.