Il prezzo delle sigarette aumentano. Ecco le marche costano di più

Brutta sorpresa per i fumatori. A partire dal ieri, 8 marzo, il prezzo delle bionde è aumentato.

Il rincaro andrà da un minimo di 5 centesimi ad un massimo di 20.

A darne notizia è stato un comunicato del Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato (AAMS) che ha anche specificato che la disposizione non è stata presa dal Governo, ma è frutto di una richiesta precisa fatta direttamente dai produttori. Che sia in crisi il mercato?

Al di là della risposta al quesito e dell’aumento di prezzo, quello che probabilmente sta indispettendo gli Italiani è il fatto che molti si sono ritrovati davanti al fatto compiuto senza averne contezza. La decisione dei rincari, infatti, è stata presa soltanto due giorni prima che diventasse effettiva. Insomma, nessuno sapeva nulla.

Quindi da ieri i fumatori arriveranno a pagare fino a 5,50 euro per un pacchetto da 20 sigarette.

Per quanto riguarda le marche, quelle maggiormente interessate al rincaro dei costi sono: Chesterfield, L&M, Diana, Mercedes, Marlboro, Merit, Muratti, Multifilter, Philip Morris e Virginia.

Chissà se qualche fumatore coglierà l’occasione per smettere di fumare.