Il tuo bambino si succhia il pollice anche più in là con l’età? Ecco alcuni consigli

Secondo gli esperti succhiarsi il pollice è un’azione che non deve preoccupare i genitori.

Una delle abitudini più comuni dei bambini che non dovrebbe sfuggire all’attenzione dei genitori è il succhiare il pollice. Si tratta di un riflesso istintivo che alcuni bimbi sviluppano già nel grembo materno.

Quest’azione tranquilizza il bambino, specialmente quando è sotto stress, ha paura o sta per andare a letto. Inoltre, ciò consente ai genitori di sapere se il bambino ha fame, se è stato svezzato presto e se non ha ricevuto abbastanza conforto dalla comunicazione con la madre.

Se il motivo è chiaro, si possono prendere delle misure così da soddisfare l’istinto e, di conseguenza, l’azione in sé.

Di solito, un bambino smette di succhiarsi il pollice dopo sei – sette mesi ma alcuni pediatri sostengono che possono tranquillamente farlo fino a quattro anni di età e ciò non dovrebbe preoccupare gli adulti né richiedere accorgimenti drastici.

Ad ogni modo, è sempre meglio scoprire il motivo di questo comportamento e perché il bambino non riesce a calmarsi senza succhiare il pollice.

Se l’abitudine resta, si possono seguire i seguenti passi, come riportati su Fabiosa.com:

  • Dire al bambino che vogliamo aiutarlo o che vogliamo far fronte a quest’abitudine;
  • Invitare il bambino a succhiarsi il pollice solo prima di andare a letto e non nei luoghi pubblici;
  • Chiarire che i bambini ‘grandi’ non si succhiano il pollice.

Inoltre, non vanno assolutamene usati guanti dal sapore amaro per costringere il bambino a rinunciare a quest’abitudine. Bisogna essere pazienti e compensivi!

Leggi anche: perché è meglio evitare i cibi conservati nei contenitori di plastica.