Il virologo Andreoni: “Pericoloso parlare di virus che si è indebolito”

Le parole del direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive ad Agorà, su Raitre.

Massimo Andreoni

Massimo Andreoni, virologo del Policlinico Tor Vergata e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive, ospite di Agorà su Raitre, ha affermato: «Le immagini della movida mi preoccupano molto, si sta facendo quello che non si deve fare e così rilanciamo il virus».

«Il caldo forse ci può aiutare – ha aggiunto – anche perché secca prima le famose ‘goccioline’ che così infettano meno, ma di fronte a certi comportamenti non può molto».

Il virus sta perdendo forza? «Non ci sono evidenze scientifiche in tal senso, singoli casi sono interessanti ma non fanno la regola, il virus resta estremamente pericoloso». E ha aggiunto: «quello che sta accadendo non ci fa vedere che il virus si stia indebolendo, gli studi fatti su tantissimi campioni di virus fanno vedere che è cambiato poco. Queste segnalazioni di singoli casi non fanno la regola. Il virus rimane pericoloso per quello che è stato in tutte queste settimane».

Per Andreoni, poi, «il rischio che in autunno il virus riprenda vigore è molto alto».

Infine, il riferimento a uno studio coordinato da University College di Londra mostra che ci sono 7.000 mutazioni del virus ed alcuni esperimenti hanno fatto ipotizzare che possa aver perso forza. «Quello che sta accadendo non ci fa vedere che il virus si stia indebolendo. Gli studi di filogenesi, condotti in Cina e in Italia, su tantissimi campioni di virus fanno vedere che il virus è cambiato molto poco e non si sta indebolendo».

LEGGI ANCHE: Le mascherine possono danneggiare, l’allarme dei medici.