In Thailandia l’elefante che bacia gli uomini con la proboscide

elefante

elefante

La proboscide di un elefante non è soltanto un ‘naso’ per l’enorme mammifero ma è anche uno ‘strumento’ con cui manipola oggetti.

Ecco perché non è stato difficile, in alcuni casi, insegnare agli elefanti perfino a dipingere, creando così delle opere d’arte uniche.

L’elefante protagonista del video di questo post, però, con la proboscide sa fare qualcosa di ancora più umano: baciare!

Il filmato è stato girato presso l’Elephant Nature Park di Chiang Mai, in Thailandia e racconta il legame affettuoso tra una donna di nome Sanguduen ‘Lek’ Chailert e un giovane elefante chiamato Faa Mai.

Ecco il video che suscita davvero tanta tenerezza:

La proboscide, ricordiamo, è il nome che viene dato ad ogni protuberanza del capo di un animale usata per raggiungere il cibo, ad esempio l’organo tubolare (detto anche spirotromba o spiritromba) con la funzione di suggere o assumere cibo da parte di numerosi invertebrati come le farfalle e le mosche. Inoltre, la proboscide è – per l’appunto – il caratteristico organo prensile posseduto dagli elefanti ed altri animali come il tapiro e l’elefante marino.

La proboscide degli elefanti può arrivare a pesare più di 100 kg. Essa contiene oltre 150.000 muscoli ripartiti in 40.000 fasci circolari e longitudinali, il che conferisce a questo organo una mobilità eccezionale in tutte le direzioni.