Ingerisce la clorochina per prevenire il Coronavirus: muore in Arizona

L’uomo e sua moglie credevano che la sostanza, impiegata nella cura dei pesci, potesse funzionare anche contro il Covid-19.

Clorochina contro il Coronavirus
Clorochina contro il Coronavirus

Ingerisce la clorochina per prevenire il Coronavirus: un uomo negli Stati Uniti è morto, credendo che lo avrebbe protetto dal contagio. Lo stesso pensava la moglie, che adesso è ricoverata in gravissime condizioni.

La sostanza altamente tossica, usata contro la malaria, invece era tra gli ingredienti di un trattamento antiparassitario per pesci. La donna sostiene di aver sentito parlare dei benefici della clorochina il presidente Donald Trump, in televisione. E, anche se non esistono ancora farmaci contro il Covid-19, quantomeno certificati, altri studi supporterebbero questa teoria.

Donald Trump

LEGGI ANCHE: Avigan contro il Coronavirus, cosa c’è di vero?

«Avevamo paura di ammalarci»: ha raccontato la donna, che ha perso il marito ed è in condizioni critiche. La usavano per curare il loro pesce koi. «L’ho visto su uno scaffale e ho pensato: ‘Ehi, non è quella roba di cui stanno parlando in TV?’»

La coppia – entrambi sessantenni e maggiormente a rischio per l’età – ha deciso di mescolare una piccola quantità della sostanza con un liquido e di berla. In 20 minuti circa, ha sentito di non stare bene. Entrambi i coniugi sentivano «le vertigini e la sensazione di soffocare».

«Ho iniziato a vomitare»: ha raccontato la donna. «Mio marito ha iniziato a sviluppare problemi respiratori e voleva tenermi per mano». Chiamano il 911, ma purtroppo l’uomo non ce la fa: ingerisce la clorochina per prevenire il Coronavirus, ma muore per una grave intossicazione.

Il Banner Health, con sede in Arizona, ha chiarito che la coppia ha assunto l’additivo chiamato clorochina fosfato, scambiandolo per la sostanza utilizzata contro la cura per la malaria. Non è un caso isolato purtroppo: negli Usa sono finite in ospedale 42 mila persone, 462 delle quali sono decedute.
Daniel Brooks, direttore sanitario del Banner Poison e Drug Information Center, ha dichiarato: «Data l’incertezza sul Covid-19, comprendiamo che le persone stiano cercando di trovare nuovi modi per prevenire o curare questo virus, ma l’automedicazione non è il modo di farlo».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Germania vietati assembramenti con più di due persone.