Iniezione di disinfettante contro il Coronavirus: il suggerimento di Trump (VIDEO)

Un funzionario della sicurezza nazionale ha rassicurato che i laboratori federali non stanno prendendo in considerazione tale opzione.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha suggerito di praticare una iniezione di disinfettante contro il Coronavirus direttamente nei polmoni dei pazienti affetti dalla malattia, e anche come forma di prevenzione.

La considerazione, priva di supporto medico-scientifico, è arrivata dopo che Bill Bryan – alla guida della divisione scientifica e tecnologica del Dipartimento di Sicurezza Nazionale – ha tenuto una presentazione sullo studio condotto dal suo team, e che mostra come il Covid-19 non viva a lungo in condizioni di caldo e umidità.

Bill Bryan
Bill Bryan

LEGGI ANCHE: Gli effetti della luce solare sul Coronavirus: cosa dice uno studio

Queste considerazioni avrebbero ‘illumunato’ il presidente Trump: «Immagino un disinfettante che lo elimina in un minuto, un minuto. Esiste un modo in cui possiamo fare qualcosa del genere tramite un’iniezione, una sorta di pulizia? Sarebbe interessante verificarlo».

Non sono tardate ad arrivare le repliche da parte degli scienziati: «Questa idea di iniettare o ingerire qualsiasi tipo di prodotto detergente nel corpo è irresponsabile ed è pericolosa»: ha detto Vin Gupta, pneumologo, specificando anche che si tratta di «un metodo molto comune nei casi di suicidio».

L’iniezione di disinfettante contro il Coronavirus, quindi, sarebbe un suicidio o, meglio, un omicidio (se i medici seguissero le indicazioni del presidente). Per fortuna, un funzionario della sicurezza nazionale ha fatto sapere che nessuno sta dando seguito alle parole di Trump.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: ictus improvvisi nei pazienti giovani

Non si tratta nemmeno della prima volta. Il presidente ha in più occasioni suggerito terapie non convenzionali, e soprattutto poco sicure, in diretta tv. Non ultima la sua idea di usare la clorochina. La moglie di un uomo, morto dopo avere ingerito la sostanza impiegata per la cura dei pesci, sostiene di averne sentito parlare il presidente durante una trasmissione televisiva.

Rick Bright, un alto funzionario del Dipartimento della salute e dei servizi umani, afferma di essere stato licenziato questa settimana per aver respinto le richieste approvare i trattamenti proprio con la clorochina. Inoltre, è opportuno specificare che il calore e l’umidità da soli non sono in grado di debellare il Covid-19. Il distanziamento sociale rimane la prima forma di prevenzione.

LEGGI ANCHE: Fase 2? Pregliasco: “Per i virologi dovrebbe essere a giugno”.