Insalata caprese: perché si chiama così e qual è la ricetta?

L’insalata caprese, nata secondo la tradizione dalla pausa pranzo di un muratore, è semplicissima da preparare. Ecco la ricetta tradizionale.

Genuinità e semplicità: questi due aspetti, importantissimi per chi vuole mangiare sano, si coniugano alla perfezione nella caprese. Come mai si chiama così? Come si prepara? Vediamo le risposte nelle prossime righe.

Insalata caprese storia

La caprese è un secondo piatto della cucina partenopea. La sua popolarità ha avuto inizio nel secondo dopoguerra. Artefice di tutto è stato un muratore che, preso dallo spirito patriottico, decise di ricreare, all’interno del panino della pausa pranzo, i colori della bandiera italiana.

Questa è la versione più diffusa, ma non l’unica. Secondo un altro punto di vista, la storia dell’insalata caprese avrebbe avuto inizio nelle cucine dell’Hotel Quisana di Capri, dove sarebbe stata preparata in occasione di una cena con un ospite d’eccezione: il fondatore del futurismo Filippo Tommaso Marinetti.

Secondo i fautori di questa versione, la caprese sarebbe stata preparata per presentare sulla tavola del poeta un piatto diverso rispetto alla da lui tanto vituperata pasta. Detto questo, vediamo come si prepara questo straordinario secondo piatto, perfetto per conciliare salute e gusto.

LEGGI ANCHE: Cotoletta alla milanese: la ricetta per preparare il celebre piatto

Ingredienti per 4 persone

  • 4 pomodori di grandi dimensioni
  • Un mazzetto di basilico
  • Una mozzarella di bufala (il peso ideale è di 300 grammi)
  • Olio EVO (5/6 cucchiai)
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.

Svolgimento

La preparazione dell’insalata caprese inizia lavando i pomodori e privandoli del picciolo. Una volta completati questi passaggi, bisogna tagliarli a fette. A questo punto, arriva il momento di dedicarsi al basilico, che deve essere lavato, pulito e asciugato.

La ricetta della caprese prevede a questo punto la disposizione delle fette di mozzarella su un piatto, alternandole a quelle di pomodoro. Su ciascuna di esse, deve essere sistemata una foglia di basilico. Per dare il tocco finale al proprio piatto, si può insaporire il tutto con una spolverata di pepe nero. Dopo aver messo il sale, non resta che condire con l’olio EVO e presentare in tavola.

LEGGI ANCHE: Olive all’ascolana: la ricetta con una sorpresa gustosa