Insulti alla Meloni, arriva la decisione dell’Università di Siena contro Gozzini

La nota dell’Ateneo.

Giorgia Meloni

«L’Università di Siena ha sospeso cautelativamente dalle attività didattiche il professor Giovanni Gozzini, in attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell’Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni».

Così una nota dell’Ateneo in merito al caso dello storico, docente all’Università senese, dopo le offese contro la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

«Seguendo le procedure dettate dallo Statuto – ha sottolineato il rettore Francesco Frati – ho inviato al Collegio di Disciplina dell’ateneo la documentazione da esaminare, proponendo per il docente la sospensione dal servizio per tre mesi. In attesa della pronuncia del Collegio, che si riunirà nei prossimi giorni, il professor Gozzini è stato sospeso cautelativamente dall’attivita’ didattica».

«Gli attacchi volgari e sessisti rivolti all’onorevole Meloni – ha sottolineato ancora il rettore senese – pongono a noi tutti una seria riflessione su quanto questi comportamenti, rivolti spesso alle donne, siano gravi, inaccettabili e da stigmatizzare senza riserve. Abbiamo la necessità di difendere l’onore dell’Ateneo e far sì che l’Università di Siena, a sua volta vittima delle dichiarazioni del professore, sia difesa nella sua dignità».

Giovanbattista Fazzolari, senatore di Fratelli d’Italia, ha commentato così la decisione: «L’università di Siena tratta con i guanti di velluto il professore Gozzini. I gravissimi insulti al leader dell’opposizione, Giorgia Meloni, gli valgono poco più di una tirata di orecchie e soltanto una sospensione di tre mesi. Ci chiediamo tutti se il richiamo sarebbe stato così morbido se quei toni fossero stati utilizzati contro una donna esponente della sinistra. Da parte del corpo docente di uno storico Ateneo italiano ci saremmo aspettati molta più determinazione nel difendere il prestigio della propria università, invece di far prevalere lo spirito corporativo del mondo accademico».

LEGGI ANCHE: Come sta Filippo di Edimburgo?