Isola D’Elba: Legambiente e Google valorizzano i percorsi più belli

L’annuncio di Legambiente: un’ottima notizia per il turismo nell’Isola d’Elba.

Isola d'Elba

Legambiente ha annunciato l’inserimento dell’Isola d’Elba nel progetto Trekker Street View di Google, nato in sinergia con Legambiente con l’obiettivo primario di valorizzare adeguatamente i percorsi italiani più suggestivi.

L’Elba è dotata di oltre 400 chilometri di rete sentieristica urbana, dalla vetta del Monte Capanne alle cave minerarie del versante orientale, il tutto avvolto tra la natura e la storia. Meta ambita tutto l’anno, sia nel periodo caldo sia nelle stagioni più fredde, l’isola offre ai suoi visitatori non solo il mare, il sole e le spiagge, ma anche la possibilità appunto di svolgere escursioni avventurose e indimenticabili, approfittando al più presto anche del supporto offerto da Google e Legambiente con Trekker Street View.

Isola d'Elba

L’isola è raggiungibile dall’Italia regolarmente via mare, tramite i servizi offerti dall’azienda Moby, che collega i porti di Cavo, Portoferraio e Rio Marina con Piombino, con prezzi competitivi. I traghetti per Isola d’Elba sono pertanto un’opzione rapida ed economica, che permette di raggiungere la destinazione comodamente e con orari abbastanza flessibili.

Parecchie sono le mete da non perdere e da inserire nell’itinerario tra le meraviglie dell’Isola d’Elba, tra le quali la Spiaggia di Fetovaia, una baia suggestiva con sabbia bianca e mare turchese; il Museo Civico Archeologico di Portoferraio, che contiene le testimonianze della dominazione etrusca e romana tra il secolo VII a.C. e il V d.C., ma anche riferimenti alla presenza della dinastia medicea a cavallo tra l’età medievale e moderna; il Museo delle Residenze Napoleoniche, traccia dell’esilio di Napoleone Bonaparte; la frazione di Sant’Ilario al Campo, piccolo borgo sede del genius loci dell’Elba; i sentieri di Monte Capanne e Monte Calamita; le Terme di San Giovanni a Portoferraio; il Parco minerario di Rio Marina, in cui è possibile effettuare anche escursioni; la rinomata Isola del Giglio, esempio del fascino paesaggistico dell’arcipelago toscano.

Il coordinatore di Visit Elba, l’Ingegner Claudio Della Lucia, ha accolto con orgoglio la notizia della scelta di Legambiente di contribuire alla valorizzazione del territorio, con la speranza che tale iniziativa possa far emergere appieno la vera tipicità dell’Elba, cioè la completezza e la complessità della rete sentieristica dell’isola. Grazie al progetto Trekker Street View, con l’aiuto non solo delle guide ambientali ma anche della tecnologia, ognuno può costruire il proprio percorso personale, al fine di dar vita a un’esperienza di visita sempre più completa e coinvolgente.