Italia Zona Rossa il 31 dicembre e a Capodanno: cosa potremo fare e cosa no

Saranno vietate le feste private e gli spostamenti fuori dal proprio Comune.

Il 31 dicembre, come previsto dal DPCM di Natale, l’Italia torna zona rossa. Lo stesso si può dire per il giorno di Capodanno. Cosa si potrà fare e cosa no? Scopriamolo assieme.

Zona rossa di fine anno: i divieti

Durante i giorni di zona rossa, che termineranno il 3 gennaio 2021, non sarà possibile uscire dal proprio Comune di residenza, fatta eccezione per motivi di salute o per comprovate esigenze lavorative. Nell’eventualità di spostamenti, è necessario portare con sé l’autocertificazione adeguatamente compilata.

LEGGI ANCHE: Cani e botti di Capodanno: consigli utili

Non sarà inoltre possibile recarsi presso le seconde case o effettuare acquisti presso i centri commerciali e i negozi che vendono beni non di prima necessità. Rimarranno chiusi, fatta eccezione per l’asporto e per la consegna a domicilio, anche i ristoranti e i bar.

Per quanto riguarda il Capodanno, facciamo presente che non saranno consentiti i vegloni negli hotel. L’ultimo DPCM prevede la possibilità di effettuare il servizio in camera dall 18.00 alle 7.00 del 1° gennaio 2021. Per i giorni della zona rossa varrà il coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00. L’unica eccezione è data dalla mattina del 1° gennaio, quando il coprifuoco mattutino terminerà alle 7.00.

Cosa sarà consentito

Durante i giorni di zona rossa sarà consentito rientrare al proprio domicilio e, una volta al giorno, fare visita ad amici e parenti in massimo 2 persone (non rientrano nel computo i minori under 14). Sarà inoltre consentito andare a fare la spesa al supermercato ed effettuare attività sportiva nei dintorni della propria abitazione e in forma individuale. Il DPCM consente altresì di recarsi a Messa.

Nell’eventualità di trasgressione delle norme sopra ricordate – che comprendono anche il divieto di organizzare feste – è prevista una multa compresa tra i 400 e i 1000 euro.

LEGGI ANCHE: Caffè e brioches al bancone: multa e bar chiuso a Torino