Jimmy Bennett da Massimo Giletti: “Asia? La chiamavo mamma”

Foto: Leggo.it.

Ieri sera – domenica 24 settembre – la nuova edizione dell’Arena di Massimo Giletti è cominciata con il botto: l’intervista a Jimmy Bennett, l’attore statunitense che ha raccontato di essere stato molestato dalla regista e attrice italiana Asia Argento.

Bennet ha rivelato che chiamava Asia “mamma” ma soprattutto ha dichiarato di essere stato “violentato. Ha applicato con me lo schema Weinstein. Anche Asia ha abusato del proprio potere. Mi ha incontrato in un hotel, il Ritz Carlton di Marina Bay, California: io avevo 17 anni e non mi sarei mai aspettato una cosa del genere“.

Il giovane attore – che all’epoca dei fatti contestati era minorenne – ha detto di essere stato “minacciato da Asia un paio di giorni fa” ma vuole “fare chiarezza” sull’intero caso.

Il 22enne, entrando nel dettaglio della denuncia, ha raccontato che “è accaduto tutto molto rapidamente. Asia mi ha offerto dello champagne e ha iniziato a fumare una sigaretta mentre mi raccontava del film che intendeva girare con me. Mi ha preso il viso e mi ha guardato e mi ha detto: ‘Mi sei mancato tantissimo’ e ha iniziato a baciarmi“.

E ancora: “La mia interpretazione era che mi stesse mostrando il suo affetto. Il bacio si è prolungato e ho avuto l’impressione che non fosse un bacio amichevole ma che stesse cercando di esplorare la situazione. Dopo Asia ha appoggiato le mani sul mio corpo in modalità diverse e poi mi ha spinto sul letto e mi ha slacciato la cintura e i pantaloni“.

Bennett ha ribadito che si è trattato di un “rapporto completo, ma non ero alla mia prima esperienza sessuale“.

Anche Jimmy Bennett – ricordiamo – è indagato per molestie sessuali. Sarebbe stato denunciato dalla sua ex fidanzato e i fatti risalirebbero al 2015. La ragazza ha definito l’attore “potenzialmente violento“.