Jole Santelli contro Giuseppe Conte: sui migranti positivi scoppia il caos

Sono 13 i migranti risultati positivi al Coronavirus. Tra proteste e traffico in tilt, la governatrice dà un ultimatum al premier.

Jole Santelli
Jole Santelli, dal suo profilo Instagram

Jole Santelli si scaglia contro Giuseppe Conte e lancia un ultimatum, dopo che 13 migranti sono risultati positivi al Coronavirus. In Calabria è scoppiato un vero e proprio caos, tra proteste e strade bloccate. La Presidente della Regione ha fatto sapere che, se non ci sarà un intervento tempestivo da parte del Governo centrale per arginare il rischio di contagi, procederà con la linea dura.

Ieri, domenica 12 luglio, la statale SS18 in località Amantea (in provincia di Cosenza) è stata bloccata a causa delle proteste dei cittadini contro l’arrivo a Roccella Jonica di alcuni migranti.
Tra di loro c’è anche chi si è addirittura sdraiato per terra e ha costretto la polizia municipale a chiudere il tratto al traffico. La tensione è alta e tutti si dicono preoccupati per i rischi sanitari a cui una situazione del genere potrebbe esporli.

Tuttavia, la task force della Asp di Cosenza è intervenuta in maniera tempestiva per effettuare tutti gli esami del caso e arginare il pericolo di contagio. Ma Jole Santelli si scaglia contro Giuseppe Conte e gli manda una lettera di fuoco: «I migranti positivi al Covid-19 arrivati ieri a Roccella Jonica confermano gli enormi rischi connessi agli sbarchi di persone che arrivano da Paesi in cui l’epidemia è ancora fuori controllo»

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte, dal suo profilo Instagram

LEGGI ANCHE: Stato di emergenza, cosa comporterebbe la proroga fino al 31 ottobre?

E ancora: «Per mesi abbiamo combattuto il Coronavirus, al costo di grandissimi sacrifici esistenziali, sociali ed economici. Ma ora, a causa di questa incomprensibile indifferenza nei confronti della minaccia rappresentata dagli sbarchi incontrollati, tutti gli sforzi compiuti dai calabresi e dagli italiani rischiano di essere vanificati. Non possiamo consentirlo».

La proposta della Presidente della Regione arriva con il tono quasi di un aut aut: chiede che vengano requisite unità navali da posizionare davanti alle coste, a bordo delle quali fare tutti controlli necessari per garantire la sicurezza sanitaria. Altrimenti, si dice pronta a vietare i prossimi sbarchi.

LEGGI ANCHE: 5G, quali sono i rischi per la salute?