Jürgen Klopp: un uomo in missione

Sono ormai tre stagioni che alla guida del Liverpool c’è un omone tedesco che, salito alla ribalta grazie ai successi ottenuti da allenatore del Borussia Dortmund, si sta ritagliando uno spazio sempre più importante nella storia dei Reds. Se è vero che già nella edizione della Champions 2017-2018, Klopp aveva trascinato i suoi ragazzi sino alla finale, salvo poi capitolare nella partita conclusiva sotto i colpi del Real Madrid di Cristiano Ronaldo, è altrettanto vero che nella passata stagione le cose sono andate diversamente ed i Reds sono finalmente riusciti ad alzare al cielo di Madrid la tanto ambita Champions League, la sesta della propria storia leggendaria.

Alla ricerca del bis in Champions League

La Champions League è da sempre una competizione estremamente complicata che, spesso, viene decisa dagli episodi e sebbene, come ricordato da Fox Sport, il Real Madrid ci sia riuscito per tre stagioni consecutive, riconfermarsi al top d’Europa non è mai facile. Ciononostante, come giusto che sia, dopo aver conquistato il trofeo nella passata stagione, Klopp è convinto che i suoi ragazzi abbiano a propria disposizione tutti i mezzi per conquistare nuovamente la Coppa dalle Grandi Orecchie e chissà che alla fine i Reds non possano riuscire nell’impresa. L’allenatore tedesco può infatti fare affidamento su un gruppo estremamente solido che, guidato dal tridente Firmino, Mané, Salah, sembra avere pochissimi rivali in Europa. Se, da un lato, Liverpool, Manchester City, Real Madrid, Barcellona, PSG e Juventus sono secondo le scommesse sui campionati di calcio le favorite assolute per il trionfo nel proprio campionato nazionale, dall’altro, sembrano avere tutte le carte in regola anche per puntare con forza alla Champions e la sensazione è che, quest’anno, la lotta possa essere più serrata che mai.

Un sogno chiamato Premier League

Dopo cinque giornate di campionato, i Reds sono primi a punteggio pieno, con ben cinque lunghezze di vantaggio sui rivali del Manchester City ma, per quanto possa sembrare assurdo, sono ormai 30 anni che i Reds non riescono a vincere il campionato nazionale. Nella passata stagione, dopo una battaglia che definire epica è riduttivo, furono proprio i Citizens a privare il Liverpool della gioia di tornare al successo in Premier League. In quell’occasione, a causa di una straordinaria stagione di Pep Guardiola e del suo City, ai Reds non bastarono 97 punti per vincere il campionato e la speranza dei tifosi del Liverpool è che, questa volta, la quota scudetto possa essere più bassa. A inserirsi nella lotta al titolo, ad ogni modo, quest’anno ci saranno nuovamente Arsenal, Tottenham, Manchester United e Chelsea le quali, reduci da un ottimo lavoro nella campagna acquisti estiva, sperano di poter interrompere l’egemonia del fortissimo Manchester City.

La nuova stagione è appena iniziata ma il Liverpool ha già lasciato intendere di aver voglia di puntare con forza alla vittoria del campionato, vera e propria ossessione dei Reds. Klopp, dal canto suo, dovrà essere bravo a gestire le pressioni e le emozioni di una piazza calda come quella di Liverpool, con la consapevolezza che questa può essere realmente la volta buona per riportare la Priemer ad Anfield.