Kyra, la meticcia in cerca del padrone morto

Foto Amoreaquattrozampe.it

Amore puro e incondizionato.

Dopo 9 anni condivisi assieme al suo padrone, nell’aprile del 2015, la dolce Kyra, una meticcia lupoide, è rimasta orfana del suo l’amato padrone.

Leonardo Mangiaterra, un operaio in pensione di 74 anni, stroncato da un infarto.

Da quel giorno, Kyra ha continuato ad andare lungo la spiaggia di Falconara dove era solita passeggiare con lui. Quel luogo le ricordava i momenti felici. Per tutelarla, i cittadini hanno promosso diverse iniziative in modo che quella dolce meticcia potesse correre libera in quella spiaggia in cerca del padrone che non sarebbe più tornato.

Grazie alla sensibilità del sindaco e del presidente dell’Autorità portuale nel mese di maggio, è stato concesso il permesso a Kyra di vagare liberamente, anche nel periodo di apertura della stagione balneare.

Una storia commuovente raccontata dal sito Amoreaquattrozampe.it, una di quelle che potrebbero essere lette ai bambini primi di andare a nanna.

Ogni giorno, invano, Kyra sperava di ritrovare il suo padrone, recandosi fino al club nautico di Falconara.

Poi è stata affidata all’istruttore di Windsurf, Massimo Leti, che lavorava nel club e conosceva da tempo la meticcia, in attesa di trovare una nuova famiglia.

In ricordo di questa straordinaria cagnolina, lo stesso Leti ha creato un punto di ritrovo con tanto di logo dedicato alla memoria di questa storia e così, quei luoghi così amati sono diventati il ‘Kyra point’, il punto di Kyra.