La campagna shock contro i vaccini della Corvelva arriva al Sud

Si sta muovendo verso il Sud Italia. La campagna no-vax dell’Associazione Corvelva (Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni) continua per la sua strada nonostante le polemiche.

Dopo il Veneto e la città di Parma, anche a Foggia sono comparsi i manifesti della campagna shock contro il vaccino esavalente. Sui 6×3 affissi in diversi punti della città si vede un neonato con il volto oscurato accanto alla scritta “Io sono uno dei bimbi morti per sids (morte in culla) post-vaccino esavalente occultati dai rapporti ufficiali”.
Accanto alla firma della Corvelva ci sono quelle del gruppo ‘Vaccini Puglia Onlus per la libertà di scelta’ e dei cittadini di Foggia e provincia.


Al di là delle convinzioni personali e della presa di posizione dell’Ordine dei Medici, la campagna sta facendo parlare e indignare molti per l’immagine adoperata. A smascherare il lato ‘fake’ della parte visiva della comunicazione è stato il debunker David Puente grazie ad una segnalazione.

Il bambino della foto, infatti, non è morto per il vaccino. In realtà è vivo, oggi ha 5 anni ed è pure vaccinato. È il figlio del fotografo australiano Brayden Howdie e lo scatto (per stessa ammissione della Corvelva) è stato acquistato dal noto sito dell’agenzia fotografica Shutterstock.

Inoltre l’immagine così utilizzata violerebbe i termini di licenza del sito che vietano di “far apparire le persone presenti in relazione a una specifica opinione o come affetto o in cura per disturbi fisici o mentali”.

L’Associazione si è giustificata scrivendo su facebook questo messaggio.

Se compri un’immagine non ti rilasciano il certificato di nascita del soggetto, da quanto ne sappiamo potrebbe avere 60 anni quel bimbo. Abbiamo usato un’immagine acquistata perché non potevamo usare un bambino morto pur avendo foto delle autopsie a disposizione”.

Argentina, Australia, Bosnia Erzegovina, Canada, Colombia, Croazia, Francia, Germania, Italia, Polonia, Stati Uniti,…

Pubblicato da Corvelva su Lunedì 20 novembre 2017

La Corvelva non è nuova a questo tipo di campagna no-vax. L’Associazione veneta, infatti, è solita utilizzare slogan forti accompagnati da immagini di neonati.

Pubblicato da Corvelva su Domenica 12 novembre 2017

#IONONDIMENTICO #NONFINISCEQUIIn attesa della pronuncia della Corte Costituzionale, Corvelva ha deciso di lanciare una…

Pubblicato da Corvelva su Domenica 5 novembre 2017