La comunità etiope contro il Coronavirus, cibo alla Croce Rossa

«Abbiamo voluto dare un segno concreto della nostra solidarietà»: dice il presidente.

Comunità etiope dona cibo alla Croce Rossa
Comunità etiope Oromo di Milano

«La Croce Rossa ci ha salvato dal mare, Milano ha accolto noi e i nostri figli. Per questo motivo abbiamo voluto dare un segno concreto della nostra solidarietà»: con queste parole spiega la ragione di tale gesto. La comunità etiope contro il Coronavirus scende in campo in maniera concreta e fattuale. Si tratta della gente proveniente dell’Etiopia e stabilita a Milano. Ha voluto distribuire generi alimentari alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19.

Comunità etiope dona cibo alla Croce Rossa
Un membro della comunità etiope porta cibo alla Croce Rossa di Milano

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Guido Bertolaso positivo: “Sono in isolamento”

Husen Abdussalam, presidente dell’associazione Oromo, ha consegnato personalmente ai volontari della Croce Rossa cinque carrelli pieni di cibo, che verranno distribuiti a chiunque in questo momento difficile ne abbia bisogno.

Non dimentichiamo, infatti, che la Regione Lombardia è quella maggiormente colpita dal Coronavirus in Italia. «Stiamo a casa e insieme ce la faremo»: ha aggiunto il presidente. Il tentativo è quello di dare coraggio a coloro i quali ormai considera propri concittadini.

«È come se si chiudesse il cerchio. Il comitato di Milano ha accolto nei suoi due centri di accoglienza per tanti anni i richiedenti asilo provenienti da tantissime parti dell’Africa, alcuni, molti, anche dall’Etiopia e quindi questo gesto riunisce in qualche modo due solidarietà»: ha dichiarato una dei tanti volontari della Croce Rossa.

Comunità etiope dona cibo alla Croce Rossa
Comunità etiope Oromo di Milano

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuovo studio su combinazione di farmaci

Tanti – tra aziende, liberi professionisti, personaggi famosi e intere comunità – hanno voluto dare il proprio contributo a una lotta che ci vede tutti uguali di fronte a un nemico comune. Un nemico invisibile, contro il quale non importa se si è giovani o anziani, ricchi o poveri, stranieri o italiani. Una volta che colpisce fa di tutto per uccidere.

Ecco allora chi sta in prima linea per garantire le cure necessarie, l’assistenza, l’assortimento dei beni di prima necessità deve essere aiutato. La comunità etiope contro il Coronavirus ha fatto questo. Ha dato delle ‘armi’ in più a chi ogni giorno si sacrifica per la sopravvivenza di tutti.

LEGGI ANCHE: Avigan contro il Coronavirus, cosa c’è di vero.