La Corea minaccia un imminente guerra nucleare

La guerra nucleare può scoppiare in qualsiasi momento”. Ad affermarlo è il vice ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Unite, Kim In Ryong. La guerra in questione, neanche a dirlo, sarebbe tra Usa e Corea del Nord.

La colpa è della “estrema e diretta minaccia nucleare” da parte degli Stati Uniti che va avanti dagli anni ’70. Per questo motivo, avverte sempre il vice ambasciatore, “se gli Usa invadono anche solo un centimetro del nostro sacro territorio non scamperanno alla nostra severa punizione in qualsiasi parte del globo”.

Si tratta di vere e proprie minacce proclamate davanti alla commissione sul disarmo dell’Assemblea Generale Onu dove, tuttavia, è stato aperto un piccolo spiraglio.
Pyongyang sostiene l’eliminazione totale delle armi nucleari e gli sforzi per la denuclearizzazione del mondo intero“, ma firmerà il Trattato sul bando alle armi nucleari solo quando “la politica ostile delle minacce nucleari Usa non sarà sradicata”.

Il clima, dunque, si fa sempre più teso. Tuttavia dal fronte occidentale arrivano notizie che parlano di una inversione di rotta verso un tentativo di risoluzione pacifica e diplomatica. Dagli USA, infatti, arrivano indiscrezione in merito a “colloqui diretti”. A novembre Donald Trump dovrebbe incontrare il suo omologo coreano Moon Jae-in.