La Tabisca: una pizza speciale capace di accontentare tutti, la ricetta

Il nome ha origini arabe, la ricetta arriva da Sciacca, comune siciliano in provincia di Agrigento. Ecco come prepararla

pizza tabisca
Credits: Sicilia Fan

Una pizza che va oltre il concetto stesso di pizza. Di cosa stiamo parlando? Della Tabisca saccense, una particolare pizza nata nei dintorni di Sciacca, in Sicilia, ma che si è andata diffondendo anche in altre zone d’Italia e degli Stati Uniti, specie tra le comunità siciliane insediatesi nel tempo in terra americana.

Ma cos’è esattamente la Tabisca? Si tratta di una pizza nata dalla tradizione contadina che un tempo aveva anche dimensioni ragguardevoli: spesso veniva fatta con una forma allungata che poteva andare ben oltre il mezzo metro. Un piatto povero ma saporito, di cui andiamo a vedere gli ingredienti.

Questi per l’impasto:

  • 300 ml di acqua tiepida;
  • 500 g di farina di grano duro;
  • 30 g di lievito di birra;
  • Due cucchiai olio extravergine d’oliva;
  • Mezzo cucchiaino di zucchero;
  • Sale q.b.

Questi, invece, per il condimento:

  • Polpa di pomodoro;
  • Una cipolla;
  • 150 g di pecorino grattugiato;
  • Olio extravergine d’oliva;
  • Olive nere;
  • Alici;
  • Origano e sale q.b.

La Tabisca, il cui nome deriva dall’arabo tabisc, deve avere una base croccante e gli ingredienti del condimento possono anche essere integrati o leggermente modificati a seconda del gusto di chi la dovrà mangiare. Anche se è consigliabile attenersi alla ricetta tradizionale per non mutarne troppo il sapore.

pizza tabisca
Credits: Nuok

LEGGI ANCHE: Pasta con i tenerumi: dalla Sicilia con furore, la ricetta

Il procedimento prevede di sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, per poi versarlo sulla farina disposta a fontana. Dopo aver salato, bisogna aggiungere un cucchiaino di zucchero, quindi l’olio prima di impastare. Una volta pronto, bisogna far lievitare l’impasto per circa 3 ore, riparato da un panno.

Appena l’impasto può essere infornato, bisogna stenderlo su una teglia rettangolare dopo averla unta. Disposta la pasta, si può procedere con l’aggiunta del condimento: polpa di pomodoro, cipolla tagliata sottile, alici spezzettate. Quindi infornare a 200 gradi, per poi aggiungere a metà cottura pecorino, olive nere e origano. Appena pronta, fatela raffreddare per un paio di minuti, quindi tagliatela e servitela. Per una bontà assicurata.