L’accusa dalla Spagna: “Soldi in nero al M5S dal Venezuela”

Nicolas Maduro, attuale presidente del Venezuela, avrebbe finanziato nel 2010 il MoVimento 5 Stelle.

Nicolas Maduro, attuale presidente del Venezuela, avrebbe finanziato nel 2010 il MoVimento 5 Stelle.

Così il quotidiano spagnolo Abc, citando un documento classificato dell’intelligence venezuelana, di cui ha pubbicato una foto. Secondo il giornale, l’attuale presidente del Venezuela, allora ministro degli Esteri di Chavez, avrebbe spedito una valigetta con 3,5 milioni di euro al consolato venezuelano a Milano indirizzati a Gianroberto Casaleggio per finanziare segretamente il movimento fondato nel 2009 da Beppe Grillo.

Nel dossier dell’intelligence militare di Hugo Carvajal, un generale che Maduro ha espulso dalle forze armate e proclamato traditore per il suo sostegno all’oppositore Juan Guaido, si legge che i 3 milioni e mezzo di euro sarebbero stati inviati «in modo sicuro e segretamente attraverso un bagaglio diplomatico».

La somma per finanziare l’M5s proveniva dai fondi riservati amministrati dall’allora ministro dell’Interno e oggi titolare del dicastero dell’Economia, Tareck el Aissami, una delle persone nella cerchia di fiducia di Maduro. La nota dell’intelligence militare venezuelana ha provocato un incidente interno al consolato venezuelano di Milano. Un funzionario dell’ufficio addetto militare aveva trovato la valigia con i 3,5 milioni di dollari e l’aveva portata all’attenzione di Hugo Carvajal, spingendo quest’ultimo a indagare sull’origine e sul motivo della spedizione. La nota di spedizione si conclude con questo testo: «Sono state impartite istruzioni verbali al nostro funzionario in Italia per non continuare a riferire sulla questione, che potrebbe diventare un problema diplomatico (tra Italia e Venezuela)».

Parlando ad Adnkronos, Davide Casaleggio ha affermato: «Tutto totalmente falso. È una fake news uscita più volte, l’ultima nel 2016. Dalle smentite ora passeremo alle querele».

Benedetto Della Vedova, segretario di Più Europa, ha affermato su Twitter: «L’accusa di finanziamento non dichiarato al M5S dal Venezuela è gravissima. Il Governo sospenda gli Stati Generali per consentire a Conte, Di Maio e ai ministri del M5S di chiarire la situazione e smentire che l’amicizia con Caracas abbia mai comportato alcun tipo di finanziamento direttamente o tramite Casaleggio».

LEGGI ANCHE: Covid-19, Fontana: In Lombardia mascherine obbligatorie fino alla fine di giugno”.