L’Algeria fa morire i migranti nel deserto

I numeri della vergogna sono in continuo aggiornamento. L’Algeria negli ultimi 14 mesi ha abbandonato 13mila migranti nel deserto del Sahara tra cui donne incinta e bambini. Lasciati al loro destino senza acqua né cibo, la loro unica possibilità è quella di camminare per miglia e miglia sotto il sole, cercando di raggiungere il Sudan o il Niger.

È quanto riportato lunedì dall’Associated Press.

I sopravvissuti hanno raccontato di aver visto persone morire o semplicemente “sparire” nel deserto.

Ognuno in questa marcia è solo, si perde la cognizione del tempo“, hanno spiegato. Ad esempio, Janet Kamara, una donna della Liberia espulsa dall’Algeria a maggio: “Le donne morte giacevano là, e gli uomini, tutti erano da soli“. Kamara era incinta quando ha dovuto attraversare il deserto e ha perso la figlia.

Le espulsioni di massa dall’Algeria sono aumentate dall’ottobre dello scorso anno, quando l’Unione Europea ha rinnovato la pressione sui paesi nordafricani per dirottare i migranti diretti a nord verso l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo o le barriere con la Spagna. A maggio 2017, hanno contato 135 persone che avevano raggiunto il confine con il Niger a piedi, scrive l’agenzia di stampa. Nell’aprile 2018, erano stati quasi 2.900.

Un portavoce dell’UE ha dichiarato di essere a conoscenza di ciò che l’Algeria stava facendo, ma che i “paesi sovrani” possono espellere i migranti fintanto che si conformano al diritto internazionale. L’Algeria non ha voluto commentare le accuse dell’AP.

Ancora poveri migranti vittime dell’ennesima tragedia – ha dichiarato Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – colpevoli solo di aver tentato l’ennesimo viaggio della speranza alla ricerca di un futuro migliore“.