Maurisa Laurito e l’amore: Renzo Arbore, il calciatore e l’uomo della sua vita

Conosciamo meglio la vita privata della celebre attrice napoletana.

Marisa Laurito

Spesso si è vociferato che tra Maurisa Laurito e Renzo Arbore ci sia stato qualcosa di più che una lunga amicizia.

La diretta interessata, però, nel marzo di quest’anno, ospite di Caterina Balivo a Vieni da Me, ha ribadito che tra lei e l’artista pugliese ci sono “solo 40 anni di amicizia“.

Tra l’altro la Laurito, 68 anni, ha raccontato che deve proprio ad Arbore il suo passaggio dal teatro alla televisione, rendendola popolare: “Io facevo la prima donna al Bagaglino e facevamo la tv con un po’ di puzza sotto al naso, ma Arbore era Arbore. Pingitore mi sciolse il contratto, fu un gran signore. La carriera in tv? Ho fatto anche due Fantastico, con Celentano e con Baudo, con dei vestiti bellissimi. Mi divertivo tantissimo e non mi arrabbiavo mai, ancora oggi non mi arrabbio mai. Fa male alla salute. Raffaella Carrà fu molto carina con me ma lei è una grande artista, che c’è da dire su di lei? Con lei facemmo un programma dall’America“.

Marisa Laurito

La Laurito, invece, si sposò nel 2001 con Franco Cordova, ex calciatore ma il matrimonio durò appena un anno: “Eravamo convinti di sposarci, molti pensarono fosse un’operazione di pubblicità: dal fidanzamento al matrimonio è cambiato tutto. Di lui non posso parlare male perché è stata una persona molto carina. Ci siamo lasciati di comune accordo, lui pensava di potermi domare ma era impossibile. Era un po’ restio al fatto di farmi lavorare“.

L’attrice napoletana ha poi trovato l’uomo della sua vita, l’imprenditore Pietro Perdini di origine bresciana: “Mio marito è meraviglioso, lo amo, stiamo insieme da 19 anni: ho trovato l’uomo della mia vita e quindi siamo a cavallo. È bello, simpatico, figo e spiritoso. Non è geloso, ama la libertà quanto me. Coppia aperta? Siamo chiusissimi, c’è un’apertura per vivere che è basilare“.

Marisa Laurito

Maurisa Laurito non ha avuto figli ma non rimpiange la maternità, come raccontato in un’ospitata a Verissimo: “All’epoca lavoravo moltissimo, amavo il mio lavoro, non volevo che i miei figli crescessero senza una madre presente e senza un padre fisso per l’eternità, credo che i figli abbiano bisogno di una padre e una madre. Avevo una grande senso di responsabilità. Poi quando c’è stato il giro di boa e temevo me ne sarei pentita e invece no, non mi è mancato essere mamma“.

Leggi anche: Marina La Rosa: “Cosa mi chiedono i feticisti sui social”.

Da SaluteLab: Qual è la colazione ideale per restare in forma e in salute?