Le 10 cose più importanti che un genitore dovrebbe fare con i figli

Fonte Facebook

“Le 10 cose più importanti che ho imparato da quando ho perso mio figlio”. Sono quelle che Richard Pringle ha imparato suo malgrado dopo la morte del suo ometto di tre anni, Hughie, per una emorragia cerebrale.

Sono 10 piccoli gesti quotidiani che avrebbe voluto mettere in pratica prima che il destino si portasse via suo figlio. Con Hughie non ce l’ha fatta, ma vuole rimettersi in pari con l’altra figlia. E vuole che nessun altro genitore si penta di non essere stato presente nel modo giusto. Per questo ha condiviso su Facebook il suo personalissimo decalogo. Eccolo.

Non si ama e non si bacia mai abbastanza.

Smetti di fare ogni altra cosa e gioca, anche solo per un minuto. Niente è così importante da non poter aspettare.

Scatta foto e registra video ogni volta che puoi. Un giorno queste potrebbero essere le uniche cose che ti restano.

Non pensare ai soldi, ma al tempo. Trascorrilo con i tuoi figli saltando nelle pozzanghere, facendo passeggiate, nuotando al mare, e divertiti. E’ tutto ciò che vogliono.

Canta. Cantate insieme le canzoni. I miei ricordi più belli sono quelli di Hughie con me in macchina a cantare le nostre canzoni preferite.

Apprezza le cose semplici e goditi tutti i momenti passati insieme.

Non lesinare mai i baci. Non sai mai fino a quando potrai darli.

Divertitevi insieme. La vita è troppo breve per non divertirsi.

Scrivi su un diario tutto quello che fanno i tuoi figli. Quando sarai vecchio potrai ricordare ogni momento importante.

Se hai i tuoi figli ancora con te, baciali, fai colazione con loro, accompagnali a scuola e all’Università. Sei fortunato. Non dimenticarlo mai.