Le acque in Europa sono pulite ma l’Italia è fanalino di coda / IL RAPPORTO

L’85% dei siti di balneazione nel continente sono “eccellenti” e soddisfano i più rigorosi criteri di pulizia.

Che siano mari, laghi o fiumi, in Europa, ovunque si capiti, c’è poco rischio di sbagliare: nel vecchio continente la quasi totalità delle acque balneabili è di qualità accettabile e la stragrande maggioranza è addirittura eccellente.

È quanto emerge dalla relazione annuale sulle acque di balneazione redatta dall’Agenzia europea dell’Ambiente (Aea) che ha analizzato la qualità dei siti analizzati.

La nuova relazione, pubblicata oggi – giovedì 6 giugno –  sottolinea che oltre l’85% dei siti monitorati l’anno scorso ha soddisfatto i più rigorosi criteri dell’Unione Europea in materia di pulizia ed è stato classificato di qualità ‘eccellente’.

La relazione, stilata dalla Commissione europea e dall’Agenzia europea dell’ambiente, valuta 21.831 luoghi balneari nei 28 Stati membri e il 95,4% di questi soddisfa i requisiti minimi di qualità.

Lo studio ne considera anche altri 300 in Albania e in Svizzera (dove solo Dorigny, vicino a Losanna, e Pointe de la Bise, nel canton Ginevra, hanno ricevuto valutazioni “insufficienti”).

In cinque paesi il 95% (o più) degli stabilimenti è risultato di qualità “eccellente”: Cipro (99,1%), Malta (98,9%), Austria (97,3%) e Grecia (97%).

La percentuale più elevata di siti di balneazione con qualità delle acque “scarsa”, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, è stata registrata in Italia (89 siti, pari all’1,6%), Francia (54 siti, pari all’1,6%) e Spagna (50 siti, pari al 2,2 %).

Rispetto al 2017 questo numero è diminuito in Francia (da 80 siti nel 2017 a 54 nel 2018) ma è aumentato in Italia (da 79 siti a 89) e in Spagna (da 38 siti a 50).

Le province in cui in Italia si concentra la maggiore quantità di siti con acqua di qualità scarsa sono Napoli e Reggio Calabria.

Leggi anche: Dormire nudi fa bene al corpo e alla mente, ecco perché.