Le migliori frasi di Ennio Morricone, il grande Maestro della musica sul grande schermo

Talento incommensurabile, Ennio Morricone è venuto a mancare a 91 anni dopo una vita dedicata alla musica.

ennio-morricone

Il Maestro Ennio Morricone, scomparso all’alba del 6 luglio 2020, ha segnato la storia della musica italiana. Compositore di oltre 500 colonne sonore, artista che ha reso grande la cinematografia di registi come Sergio Leone e Tarantino, ha ‘raccontato’ la sua arte non solo con le sette note, ma anche tramite numerose frasi. Ecco alcune tra le più belle!

LEGGI ANCHE: Ezio Bosso, le più belle frasi del musicista che ha incantato tutti

Le frasi di Ennio Morricone

“Nell’amore come nell’arte la costanza è tutto. Non so se esistano il colpo di fulmine, o l’intuizione soprannaturale. So che esistono la tenuta, la coerenza, la serietà, la durata”

“Dagli anni del mio esordio a oggi si è passati attraverso l’alta fedeltà, la riproduzione sempre più perfetta del suono, l’arricchimento tramite messaggi video. Tutto è diventato più accurato. E il mio modo di scrivere testimonia sempre l’esigenza di andare avanti lungo un percorso creativo”

“Io penso che, quando fra cento, duecento anni, vorranno capire com’eravamo, è proprio grazie alla musica da film, che lo scopriranno”

“La musica esige che prima si guardi dentro se stessi, poi che si esprima quanto elaborato nella partitura e nell’esecuzione”

“Quando scrivo nessuno mi può aiutare, perché chi scrive ha qualcosa di personale da dire”

“Posso avere anche centomila persone, alle spalle: non me ne accorgo. Sono troppo concentrato, sono solo. Solo fino agli applausi conclusivi. Allora tutto si scioglie. Il miracolo s’è ripetuto un’altra volta. E posso passare anch’io dalla parte del pubblico”

“La musica mi ha salvato da fame e guerra. Ma l’arte è puro talento, la sofferenza non c’entra”

“Ho sposato una siciliana, il che mi ha permesso di conoscere da vicino la sicilianità. Ma grazie all’arte di Tornatore ho avuto la conferma delle mie sensazioni su questa terra che è bella anche per le sue contraddizioni oltre che per la sua umanità. Quello siciliano è un popolo eletto nei migliori casi e nei peggiori. E credo che a prevalere sia certamente il suo lato positivo”

“La musica di Mission è scaturita da una emozione violenta, mi è quasi arrivata dall’esterno”

“Ho usato suoni realistici in un modo psicologico. Con “Il buono, il brutto e il cattivo” ho usato suoni di animali – come il coyote – così il suono animale è divenuto il tema musicale principale del film”

LEGGI ANCHE: Ennio Morricone è morto: il cinema ha perso il suo compositore più grande