Le migliori tecniche per fare la cacca al lavoro senza imbarazzo

I risultati di un sondaggio condotto in Francia

Per quanto strano possa essere, andare in bagno, al lavoro, per fare la cacca è una delle principali preoccupazioni per i dipendenti delle aziende.

La metà delle donne non vuole fare la cacca al lavoro

Come riportato su Gentside.com, respirare, mangiare, dormire e fare la cacca sono bisogni naturali di cui nessuno dovrebbe vergognarsi. Tuttavia, quest’ultimo è ancora principalmente un tabù nei luoghi di lavoro.

In un sondaggio condotto dalla società Diogène France, apprendiamo che il 53% delle donne in Francia non vuole fare la cacca sul posto di lavoro. Più in generale, il 44% dei dipendenti si astiene dall’andare in bagno. Il 53% delle donne intervistate afferma di sentirsi a disagio a defecare rispetto al 30% degli uomini. Il fenomeno è meno rilevante in caso di urina: solo il 6% delle donne e l’8% degli uomini sembrano imbarazzati.

Le migliori tecniche per fare la cacca

Ma lo studio non si ferma qui perché parla anche delle tecniche più utilizzate dai dipendenti per defecare comodamente al lavoro. Il 33% degli uomini si precipita in bagno per far sembrare la pausa cacca come una pausa per la pipì, rispetto al 44% delle donne. Il 16% dei dipendenti usa uno spray deodorante per camuffare i propri odori dopo essere andato in bagno e il 9% accende persino un fiammifero per raggiungere lo stesso effetto.

E non è tutto. Per evitare di essere “avvistato”, il 36% dei dipendenti utilizza un bagno diverso da quello del proprio reparto per fare la cacca, ad esempio andando a un altro piano e il 21% utilizza un bagno esterno, come quello di un ristorante o di un bar. È la stessa percentuale delle persone che tornano a casa durante la pausa pranzo o escono prima.

Infine, ed è la cosa più preoccupante, l’11% dei lavoratori assume farmaci per ritardare la defecazione.

LEGGI ANCHE: Come contrastare insonni e ansia.