Lele Mora: “In carcere ho visto la Madonna e Padre Pio”

Fonte Agenpress
Fonte Agenpress

Lele Mora torna a far parlare di sé. Niente vip, niente feste pompose. Questa volta il Lele viveur cede il palco al Lele mistico.

In carcere avevo un’immagine della Madonna che piangeva e che per sette o otto mesi si riempiva di acqua. E poi ho visto Padre Pio”. Spiazza tutti così ai microfoni di ECG, su Radio Cusano Campus.
Assicura che le apparizioni avute in carcere sono autentiche, che lui non ha bisogno di pubblicità. “Sono un uomo religioso e credente. L’apparizione della Madonna e l’apparizione di Padre Pio l’ha avuta più di una persona”.

E racconta in radio cosa gli è accaduto.
Padre Pio mi è apparso quando avevo da pochi giorni finito l’isolamento. In cella mi avevano rimesso il televisore. Avevo visto un programma condotto dal grande Massimo Giletti, che io stimo. Uno speciale su Padre Pio. Poi mi sono addormentato, ma nella notte all’improvviso mi si è illuminata la stanza e mi è apparso questo frate meraviglioso che mi ha assicurato che presto sarebbero finite le mie sofferenze. E pochi giorni dopo io sono uscito”.

Ha poi arricchito il racconto con particolari mistici. “E’ stata una cosa meravigliosa: era circondato da una luce immensa, una luce tipica di un santo”.

Lele Mora oggi dice di essere cambiato grazie a questa esperienza (mistica o carceraria?).