Cronaca Social

L’ex legale di Pamela Prati: “Non è vera la storia del cachet per Live Non è la D’Urso”

Le parole di Irene della Rocca, ex legale della soubrette, pubblicate su Fanpage.it.

Nella puntata del 12 giugno scorso di Live Non è la D’Urso, la conduttrice Barbara D’Urso ha comunicato ai telespettatori che la produzione aveva rifiutato la richiesta da parte di Pamela Prati di un cachet per partecipare alla trasmissione.

Ma Irene Della Rocca, ex legale della soubrette – finita nell’occhio del ciclone mediatico per la vicenda del marito e del matrimonio finto – in una lettera pubblicata su Fanpage.it ha smentito la ricostruzione della D’Urso e, anzi, ha annunciato la richiesta di una risarcimento.

Per una serie di volontari fraintendimenti, o di mancanza di comunicazione tra le varie parti coinvolte – si legge nella missiva – la richiesta di risarcimento danni per la mancanza della liberatoria sulle immagini di precedenti partecipazioni a Live, per diffide già inoltrate da tempo al programma, è diventata, almeno per il pubblico, una richiesta di cachet da parte della signora Prati“.

La Della Rocca ha anche affermato che “nel corso del mese di giugno più volte vi sono stati scambi tra gli autori e l’agente chiedendo formali scuse della signora Prati. (…) Vi era anche una richiesta di chiarimenti personali con la conduttrice da parte della signora Prati, possibilmente a Roma, data la nota paura della Prati per i mezzi di trasporto e la sua claustrofobia. Invece ci è stato chiesto di fare l’incontro propedeutico alla eventuale partecipazione a Milano. Più volte è stato specificato per iscritto che la signora Prati non poteva reggere il video per oltre 10/15 minuti“.

L’avvocato, poi, ha affermato che “la mia cliente non ha richiesto alcun cachet per la sua eventuale partecipazione alla trasmissione Live, soprattutto aveva chiesto di partecipare all’ultima puntata e quella svolta ieri (mercoledì 12 giugno, ndr) non era assolutamente l’ultima puntata. Inoltre ieri sono state fornite al pubblico informazioni false sulla prevista partecipazione dei legali alla trasmissione“.

La Della Rocca, però, non è più l’avvocato della Prati, avendo lei stessa rinunciato all’incarico per via di divergenze sulla tutela della sua cliente con Lina Caputo, altra rappresentante legale della showgirl.

Leggi anche: Pamela Prati, dalla D’Urso la mamma del finto bambino in affido.