Lidl di Palermo, liti e tentata fuga con la spesa: “Non abbiamo i soldi per pagare” (VIDEO)

È successo al punto vendita di viale Regione Siciliana.

Lidl di Palermo tensione
Lidl di Palermo tensione

Polizia e Carabinieri in assetto antisommossa. Al Lidl di Palermo si sono registrati attimi di tensione. Il punto vendita in questione è quello aperto più di recente: all’angolo con via Principe di Paternò.

Poco prima delle 16, circa quindici persone hanno deciso di riempire i carrelli della spesa fino all’orlo. Fin qui nulla di strano, considerando anche il momento di difficoltà dovuto al Coronavirus. Uscire di casa lo si deve fare il meno possibile e si tende a fare provviste per almeno una settimana.

Lidl di Palermo Carabinieri
Arrivano le forze dell’ordine al Lidl di Palermo

LEGGI ANCHE: Coronavirus, mamme in rivolta: “Fateci acquistare i pennarelli per i nostri figli”

Il caos si è scatenato quando queste persone, provenienti dai quartieri più disparati della città, hanno deciso di andare via senza pagare. Inizialmente si sono lamentati della inesattezza dei prezzi rispetto a quanto riportato sui volantini, poi hanno cercato di uscire senza passare dalle casse.

All’esterno intanto continuava ad allungarsi la fila, con il consueto metro di distanza tra una persona e un’altra; dentro gli animi si sono surriscaldati a tal punto da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Non appena arrivate, per fortuna, la situazione è tornata alla normalità.

«Non abbiamo soldi e non vogliamo pagare»: avrebbe detto qualcuno. Poi la nota ufficiale dell’azienda: «Lidl Italia conferma che nel tardo pomeriggio, una quindicina di persone sono entrate nel nostro punto vendita di Palermo di via della Regione Siciliana con l’intenzione di non pagare la spesa appena effettuata».

E ancora: «Sono state quindi chiamate le forze dell’ordine che sono prontamente intervenute a garanzia della sicurezza e salvaguardia dell’incolumità sia dei nostri collaboratori che dei clienti presenti in quel momento in punto vendita. Comprendiamo il difficile momento che l’intero Paese sta vivendo e ringraziamo le autorità per il pronto intervento odierno».

Le conseguenze economiche che sta avendo la reclusione forzata (e necessaria) sono notevoli, gli atti di forza sono sempre da condannare. Ma molte famiglie sono in cassa integrazione, altre ancora senza un impiego. Liberi professionisti, senza partita Iva perché guadagnano troppo poco per potersela permettere, hanno dovuto rinunciare ai propri introiti.

‼️#REDDITODIQUARANTENACHALLENGE‼️🔴 Fai un breve video in cui racconti il lavoro che fai (o non fai) e perchè il #redditodiquarantena, una misura di reddito universale, sarebbe fondamentale oggi e nei prossimi mesi🔴 Tagga 10 amici tra i più poveracci che hai e chiedi di fare la stessa cosa🔴 Fai una foto con un cartello, appendi uno striscione o un lenzuolo dalla finestra chiedendo #redditodiquarantena, pubblicala e tagga la pagina Facebook Reddito di quarantenaReddito di quarantena

Pubblicato da Milos Ska su Venerdì 20 marzo 2020

Poi ci sono i lavoratori in nero, per scelta o costretti. Tuttavia il risultato non cambia: non ci sono più i soldi per pagare l’affitto, le bollette. Anche fare la spesa diventa difficile. Sul web cominciano le campagne a favore di un Reddito di quarantena. Diversi italiani postano video sui social per spiegare in cosa consiste il proprio lavoro e perché non possono svolgerlo da remoto.

Chiedono un sussidio per tutti, una revisione del decreto Cura Italia che includa anche loro: chi è senza contratto o un libero professionista senza partita Iva, e non solo. L’iniziativa ha preso il nome di #RedditodiQuarantenaChallenge. Un’iniziativa certamente più legale di quella che prevede di andare via senza pagare, ma entrambe espressione di un grave problema.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, come sospendere il mutuo per la prima casa.