Lite Sgarbi – D’Urso: come è partita e come si è evoluta

Nel corso della puntata di Live – Non è la D’Urso di domenica 23 febbraio, Barbara D’Urso e Vittorio Sgarbi hanno litigato pesantemente. Il critico minaccia denuncia.

Puntata davvero particolare quella di ieri sera per Barbara D’Urso: la conduttrice napoletana, andata in onda in diretta con Live – Non è la D’Urso senza pubblico in studio per via dell’emergenza Coronavirus, si è scontrata pesantemente con Vittorio Sgarbi.

Sgarbi vs D’Urso: i motivi della lite

La lite tra Vittorio Sgarbi e Barbara D’Urso è partita a seguito di un’insinuazione del critico in merito a una raccomandazione di Stella Manente, Pupa del reality di Italia Uno, da parte di Silvio Berlusconi.

La conduttrice ha replicato dicendo “Guarda che non è bella la cosa che hai appena detto su Stella” e sottolineando l’impossibilità di una telefonata da parte dell’ex cavaliere per raccomandare la trentenne influencer.

Il critico d’arte ha difeso la sua posizione e la conduttrice si è dissociata, definendola il suo punto di vista “un gioco non divertente”. Sgarbi, a quel punto, si è rivolto alla D’Urso dicendo “Ha raccomandato pure te, ha detto ‘è una bella ragazza'”.

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi: età, vita privata, figli, carriera professionale, ruoli in politica

A seguito di queste parole i toni si sono alzati, con la padrona di casa che ha ribattuto dicendo “Sai quanti calci nel culo che ti do? Finché si gioca, si gioca”. Sgarbi non è certo rimasto zitto, paragonando la reazione della conduttrice a quella della Mussolini. Questo confronto ha dato il via all’alterco definitivo, con la conduttrice che ha invitato il critico a lasciare la trasmissione e a chiederle scusa per l’insinuazione relativa alla raccomandazione.

L’evoluzione

La lite tra Barbara D’Urso e Vittorio Sgarbi, diventata protagonista di numerosi meme soprattutto a causa della presenza in studio di una Francesca Cipriani palesemente disorientata dalla situazione, ha avuto uno sviluppo nel pomeriggio di oggi.

In un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, il critico d’arte – che ha tenuto una lezione su Michelangelo ai concorrenti de La Pupa e il Secchione – si è scagliato contro la conduttrice definendola una gran maleducata e dichiarando che la denuncerà per la frase “Ti caccio a calci nel c****”. Ha altresì chiarito la questione della raccomandazione, specificando che utilizzare tale termine significa semplicemente dire che una persona è brava.

LEGGI ANCHE: Philippe Daverio contro la Sicilia, poi chiede scusa