Litiga con il marito e tenta di avvelenare i figli

Litiga con il marito e prova ad avvelenare il figlio di un anno e se stessa.

È successo ieri – domenica 19 agosto – a Palermo.

Una donna, originaria dello Sri Lanka, 35 anni, ha messo nella minestrina del bambino una grossa quantità di semi di oleandro che, se consumati in grosse dosi, provocano la morte.

Quando il bambino non dava più segni di vita, la donna ha cominciato a mangiare la minestrina. A lanciare l’allarme è stata la nonna che, non appena ha visto le condizioni del nipote, ha chiesto aiuto.

A quanto si è appreso, a scatenare la rabbia della donna è stata una lite con il marito che, come conseguenza, ha lasciato la casa. La donna avrebbe voluto uccidere anche l’altro suo figlio ma questo non avrebbe mangiato nulla (ma è stato ugualmente curato).

Il piccolo è stato portato all’ospedale dei Bambini ed è ricoverato in rianimazione: le sue condizioni sono serie ma non è in pericolo di vita. La madre è piantonata in ospedale e, dopo il periodo di osservazione, sarà arrestata per tentato omicidio.

Fortunatamente, i sanitari del 118, coordinati dal responsabile del centro veleni siciliano Marco Palmeri, sono riusciit a trovare l’antidoto nei magazzini dell’ospedale di Cefalù, riuscendo così a salvare il bambino e la donna.

Fonti: LiveSicilia e Palermo Today.