Loredana Bertè: “Mia sorella Mimì non si è suicidata”

Ospite di Barbara D’Urso, la cantante ha parlato del suo rapporto con la sorella e con Renato Zero.

Loredana Berté e Mia Martini

Nel salotto di Barbara D’Urso si è confessata anche Loredana Bertè. Ospite della puntata di ieri sera di ‘Live-Non è la D’Urso’, la cantante ha parlato del suo rapporto con due delle persone più importanti della sua vita: la sorella Mia Martini e il collega Renato Zero.

La Bertè e Zero, si sa, sono stati grandissimi amici, ma ad un certo punto è successo qualcosa che li ha allontanati irrimediabilmente. Lady Cologno ha cercato di saperne di più, ma la cantante non si è sbottonata quasi per niente, lasciando quindi ancora avvolto nel mistero il motivo della insanabile rottura.

Io voglio molto bene a Renato – ha confessato la Bertè in studio – soltanto che mi ha deluso fortemente. Ma continuo a volergli bene. Da ragazzi cantavamo e facevamo i posteggiatori fuori dai ristoranti. Non voglio dire cosa è successo, ma mi ha ferito. La ferita è ancora aperta. Ho pianto molto, ma all’amore non si comanda. Una persona può farti quello che vuole ma al cuore non si comanda“.

Nel ricordare la sorella Mimì, invece, la cantante ha confessato di vivere con un tremendo senso di colpa: se avesse avuto un cellulare forse la sorella l’avrebbe chiamata il giorno in cui è morta e probabilmente sarebbe ancora viva. Loredana, infatti, non ha mai creduto al suicidio.

L’ultimo ricordo? Murolo mi chiamò – ha raccontato – era il periodo in cui stavano cantando ‘Cu’mme’. Mi disse che Mimì era arrabbiata con me perché non avevo un telefonino ed era impossibile trovarmi. Fu uno degli ultimi screzi avuti con lei. Me ne pento amaramente di non aver comprato un telefonino, perché se lo avessi avuto non sarebbe morta. Ma non è morta, è più viva che mai. Sono certa che non si sia tolta la vita, aveva altri progetti. Mio padre la picchiava? Non voglio parlare di questo. Non ho idea di cosa sia successo, ma amava troppo la vita, ogni giorno per lei era un momento magico“.

Leggi anche: Flavio Insinna a Lourdes: “Qui c’è un concentrato di vita potentissimo”.

Da SaluteLab: Il cancro al seno può colpire anche gli uomini.