Lory Del Santo: “Non sapevo che mio figlio fosse malato, ma non potevo salvarlo”

La donna si è raccontata durante una lunga intervista a Live – Non è la D’Urso.

Lory Del Santo
Lory Del Santo

La vita di Lory Del Santo non è stata priva di ostacoli e di sofferenze. Una madre che è sopravvissuta alla morte di due figli, ha sempre dimostrato una grande forza d’animo, senza per questo nascondere le fragilità della sua anima ferita irrimediabilmente da vicende a dir poco tragiche.

Di suo figlio Loren, morto suicida a 19 anni, ne aveva parlato anche durante la sua permanenza all’interno del Grande Fratello Vip, con l’intento di far conoscere la patologia di cui era affetto, così da aiutare altri genitori a comprendere.

«Io voglio ricordare solo le cose belle di Loren, lui non ha mai saputo chi fosse il padre, io non glielo ho mai raccontato. Avevo conosciuto questo ragazzo che voleva lavorare nel campo musicale come dj. Mi è piaciuto subito e abbiamo avuto una relazione di tre mesi. Ci vedevamo non troppo spesso, fino a che all’inizio di dicembre lui è partito»: ha rivelato a Barbara D’Urso.

«Ci siamo salutati e io dopo un po’ scopro di aspettare un bambino. Ho pensato ad un dono di Dio e quindi ho deciso di tenerlo, ma non sapevo dove trovare questo ragazzo che era in giro per il mondo»: ha aggiunto.

È però il padre di suo figlio a trovarla, dopo qualche anno dalla nascita del piccolo, a sorpresa a Milano: «Lui mi chiese se erano vere le voci che giravano sul fatto che avesse un figlio. Ma io lo bloccai subito chiedendogli che intenzioni avesse nei confronti del bambino, perché io non volevo che fosse un incontro fugace ».

«Così gli diedi appuntamento per parlarne il giorno dopo a Piazza San Babila a Milano per decidere il da farsi. Appuntamento a cui lui non si presentò mai e da quel momento non l’ho mai più visto». Anni dopo Lory Del Santo incontra la madre di un ragazzo che ha qualcosa in comune con il suo Loren: il padre. Decidono di farli incontrare, di fare vivere loro un rapporto da fratelli. Ed è in questa occasione che affiora la malattia.

«Li ho fatti incontrare senza dire che era suo fratello, ma non era il momento buono. Loren è rimasto perplesso dicendo: ‘Perché mi presenti i figli delle tue amiche?’ ». Rimandano l’incontro a quando avranno entrambi 16 anni (la differenza di età è di appena 10 mesi).

«Io ero felicissima per questa idea e ne ho subito parlato con Loren. Lui però si è dimostrato totalmente indifferente alla questione. Mi sembrava strano, ma dopo ho capito che stava sviluppando questa malattia che lo faceva distaccare dalla realtà e lo ha portato a fare quello che ha fatto».

figlio lory del santo
Loren

LEGGI ANCHE: Sette bambini si buttano nel fiume per salvare un amico: tutti morti

Questa apatia, questa indifferenza nei confronti del fratello erano tutti segnali della patologia che poi ha portato Loren a suicidarsi. «Ho riflettuto tanto , chiedendomi perché non mi fossi mai accorta che fosse malato. Non c’erano stati dei campanelli d’allarme, le uniche cose che mi dicevano, magari i professori, che era un ragazzo molto isolato a scuola».

«Mi sono detta, se io lo avessi saputo dall’inizio di questa malattia, sapendo che non potevo fare nulla, che non c’erano cuore né medicine, avrei passato venti anni della mia vita infelice, invece li ho trascorsi molto felice perché io non avrei mai potuto salvarlo. Questa è una malattia subdola».

Questa consapevolezza Lory Del Santo l’ha acquisita dopo la morte del suo amato Loren, cercando tra gli effetti personali del figlio e scoprendo i retroscena di quei silenzi. «Loren mi ha dato il primo bacio spontaneo a 15 anni e io mi sono messa a piangere dalla felicità. Per lui era impossibile farlo. Erano così rari questi momenti. Era a un punto che anche se vicino a lui moriva qualcuno di importante diceva: ‘Succede’».