Lotta al cancro, lo studio che punta a ridurre i tempi per scoprirlo

La ricerca portata avanti dall’Università della California ha fornito interessanti risultati.

ricercatrice laboratorio
Immagine da Pixabay

Uno nuovo strumento per la lotta al cancro, una speranza in più per agire in tempo e riuscire a salvare tantissime vite. Questo l’obiettivo di una nuova tecnica anti-tumorale che si basa su una semplice analisi del sangue capace di riconoscere cinqui tipi di cancro con circa quattro anni di anticipo rispetto a quelle che sono le tecniche tradizionali seguite sinora.

A portarla alla luce è una ricerca coordinata dall’Università della California e pubblicata su Nature Communications. Lo studio, ribattezzato PanSeer, permette di scovare in maniera piuttosto rapida i tumori che colpiscono lo stomaco, l’esofago, il colon retto, il fegato e i polmoni in persone che non presentano alcun sintomo. L’efficacia si attesterebbe a una percentuale del 91% dei casi analizzati.

ricerca scientificaImmagine da Pixnio

LEGGI ANCHE: Alex Zanardi è stato dimesso dall’ospedale di Siena

Stando a quanto scoperto, non è affatto da escludere che in futuro questo tipo di analisi possa essere inserito nei controlli effettuati per prassi. Specie in funzione preventiva. L’importanza di questa nuova tecnica risiede nel fatto di offrire ai medici la possibilità, grazie a una diagnosi precoce, di intervenire sul tumore mentre questo è proprio nella fase iniziale della sua formazione, grazie all’utilizzo di farmaci o di interventi chirurgici.

Di fatto, lo studio permette di individuare i primissimi segni di un tumore, evidenziando i cambiamenti nel modo in cui il dna si replica all’interno del corpo umano. Un modo per lavorare con netto anticipo rispetto a quanto fatto sin qui. La possibilità di avere molte più chances di sopravvivere a patologie che sino a poco tempo fa venivano considerate difficilmente curabili.

Le analisi sono state condotte su 605 individui asintomatici: in 191 casi è stato diagnosticato un tumore. Il test è stato condotto anche su 223 persone affette da un cancro e su 200 tessuti tumorali. Per il mondo della ricerca e la lotta al cancro è un risultato importante, per l’umanità intera una possibile speranza per vincere una battaglia che non conosce sosta.