Luigi Favoloso, le prime parole dopo la squalifica dal Grande Fratello 15

Luigi Favoloso, atto secondo. Il primo è stato quello all’interno della casa del ‘Grande Fratello’ e il sipario si è chiuso sull’uscita di scena dell’imprenditore napoletano. Ma, come in ogni opera teatrale che si rispetti, dopo una scena da grande attore quale quella della autoesclusione per seguire l’amore della sua vita e il colpo di scena della squalifica per la maglietta dalla frase sessista.

Adesso inizia il secondo atto. E si riprende da dove avevamo lasciato: dal reality. In queste ore, infatti, Favoloso ha pubblicato su instagram una foto con il suo personale bilancio di questa esperienza.

Speravo che le cose andassero semplicemente bene e invece… è stato tutto quasi perfetto” ha scritto il ragazzo.

https://www.instagram.com/p/Bi1u6HthlB1/?taken-by=lmfavolosofficial

Chi si aspettava rimorsi, pentimenti e scuse (praticamente i tre quarti d’Italia) sarà rimasto molto deluso. Il mea culpa per tutto quanto accaduto a Cinecittà non c’è stato. E non ci sarà. Facciamocene una ragione.

Perché questo è stato esattamente il GF che Luigi Favoloso voleva che fosse: l’Italia che parla di lui (nel bene o nel male non importa) come Luigi Favoloso e non come fidanzato di Nina Moric.

Resta da capire quel ‘quasi’ che ha intaccato la perfezione di questa esperienza. Chissà, forse si tratta proprio del fatto che la Moric lo abbia mollato, o forse aveva calcolato di restare qualche altro giorno in casa per sparare altre cartucce che aveva messo da parte.

Chissà se lo sapremo mai… e chissà se sentiremo ancora parlare di lui.