Lutto nel mondo delle soap, è morta la star di Sentieri

Marj Dusay è deceduta all’età di 83 anni.

Ci sono persone con cui sono cresciute intere generazioni. Magari non si conoscono pienamente il vero nome e il vero cognome. Ma si conoscono i visi. Figure che accompagnano non per anni, ma interi decenni, coinvolgendo generazioni e generazioni in un immenso scambio televisivo da nonna a madre, da madre in figlio. Un esempio sono le soap opera. Ed arriva una bruttissima notizia per chi segue una delle più antiche. Partita addirittura alla radio negli anni 50 e arrivata in televisione.

L’attrice statunitense Marj Dusay, star della soap opera Sentieri e interprete di un episodio cult della serie tv Star Trek, è morta all’età di 83 anni a New York. L’annuncio della scomparsa, che è avvenuta martedì scorso, 28 gennaio, è stato dato dalla figlia Elizabeth Perine: «Ci ha lasciato una grande donna, che ha avuto una vita grandiosa», si legge su Facebook.

Dusay è stata soprattutto attiva sul piccolo schermo. Dopo aver debuttato in Tv nel 1967 in piccoli ruoli, nel 1968 apparve nell’episodio Operazione cervello della serie Star Trek interpretando il personaggio di Kara che ruba il cervello di Spock entrata furtivamente a bordo dell’Enterprise.

LEGGI ANCHE: Sara Tommasi, la nuova vita da panettiera.

Dusay è diventata popolare vestendo i panni di Alexandra Spaulding nella soap Sentieri, ruolo che ha ricoperto dal 1993 al 2009. È stata attrice in altre soap come Capitol (1983-1987), La valle dei pini (1999-2002), Santa Barbara (1987-1991) e nei serial Dallas (1985) e Willy, il principe di Bel-Air (1991).

Nata all’anagrafe come Marjorie Ellen Pivonka Mahoney a Hays, nel Kansas, il 20 febbraio 1936, debuttò al cinema con la commedia brillante Miliardario… ma bagnino (1967) diretta da Arthur H. Nadel e interpretata da Elvis Presley.

LEGGI ANCHE: Brad Pitt e Jennifer Aniston, ritorno di fiamma?

Sporadiche sono state successivamente le sue apparizioni sul grande schermo: “Dolce novembre” (1968), per la regia di Robert Ellis Miller (1968), “Pendulum” (1969), per la regia di George Schaefer, “Breezy” (1973) di Clint Eastwood, “MacArthur il generale ribelle” (1977), diretto da Joseph Sargent, dove interpretò la moglie del generale Douglas MacArthur interpretato da Gregory Peck, “Accadde in Paradiso” (1987) di Alan Rudolph, e “Una notte per caso” (1997) di Juan José Campanella.

Insomma, una brutta notizia da dare alle mamme e alle nonne in particolare. Fate attenzione, dopo che la leggete a farlo sapere. Fatele sedere, bere e respirare. La morte di Marj Dusay potrebbe fare prendere un brutto colpo.

LEGGI ANCHE: Pensi di conoscere tutto su Netflix?