Madre arrestata per avere tenuto prigioniero il figlio per 30 anni

È successo in Svezia, a Stoccolma.

In Svezia, nella periferia di Stoccolma, una 70enne è sospettata di avere tenuto prigioniero il figlio per quasi 30 anni, dopo averlo costretto a lasciare la scuola all’età di 12 anni.

L’uomo, ora 41enne, è stato ritrovato nell’appartamento di famiglia, situato ad Haninge, a una ventina di chilometri dalla capitale, con ferite infette, malnutrito e senza quasi tutti i denti. La madre è stata arrestata. Ne hanno dato notizia le autorità l’1 dicembre scorso.

28 anni di prigionia

«La madre è sospettata di privazione illegale della libertà e di lesioni fisiche», ha detto all’Afp il portavoce della polizia Ola Österlin. Secondo i quotidiani locali Expressen e Aftonbladet, la prigionia del figlio sarebbe durata non meno di 28 anni. Aveva abbandonato la scuola all’età di 12 anni: «L’allarme è stato lanciato da un membro della famiglia, dopo aver visto il figlio».

«Rinchiuso per molto tempo», l’uomo è stato scoperto in condizioni pessime. «C’erano urina, sporcizia e polvere. Puzzava di muffa (…) Nessuno ha svolto le faccende domestiche per anni», ha detto il membro della famiglia che ha scoperto il fattaccio.

LEGGI ANCHE: Litiga con la moglie a Como e lo fermano a Fano, dopo 455 chilometri.