Malore sul palco per Elton John, costretto a interrompere il concerto

È successo ad Auckland, in Nuova Zelanda.

Elton John è uscito dal palco a metà di un suo recente concerto perché non in grado di continuare a cantare.

Il leggendario cantante si stava esibendo da quasi due ore ad Auckland, in Nuova Zelanda, quando la sua voce ha cominciato ad affievolirsi.

Il 72enne ha informato i fan che gli era stata diagnosticata una polmonite, causata da batteri che colpiscono il tratto respiratorio inferiore e superiore.

LEGGI ANCHE: Shakira, annullato tour per problemi di salute.

Dopo aver tentato di cantare uno dei suoi classici, Daniel, Sir Elton ha dovuto capitolare e si è scusato con la folla prima di lasciare il palco: «Ho appena perso completamente la voce. Non so cantare. Devo andare. Mi dispiace. Mi dispiace tanto».

Alzandosi dal piano, il cantante visibilmente scosso ha cominciato a piangere ed è stato subito confortato da un membro del suo staff.

Nonostante abbia interrotto il concerto, i fan si sono alzati e hanno applaudito l’icona britannica mentre si stava allontanando dal palco.

All’inizio del concerto, Elton John si era già interrotto per farsi controllare da un medico. Dopo alcuni minuti di silenzio al Mt Smart Stadium è tornato sul palco per continuare l’esibizione. Poco dopo, però, ha detto: «Non so per quanto io ancora possa cantare. Ci proverò ma non prometto nulla».

Dopo aver interrotto il concerto, Sir Elton John ha colto l’occasione per scusarsi con i suoi fan. Su Instagram ha scritto: «Ho suonato e cantato fino a quando la mia voce non ha più potuto cantare. Sono deluso, profondamente turbato e dispiaciuto. Ho dato tutto quello che avevo. Grazie mille per il vostro straordinario supporto e tutto l’amore che mi avete mostrato durante la performance di stasera. Sono eternamente grato. Con Amore, Elton xx».

Tanti i messaggi di risposta all’artista: «Siamo orgogliosi di te. Per favore, riposati. Ti amiamo», uno ha scritto. E un altro: «Guarisci presto».

LEGGI ANCHE: Cantare fa bene alla salute, ecco perché.