Mamma abbraccia il figlio che non vedeva da 4 mesi: la multa è salatissima

La vicenda ha avuto luogo a Reggio Emilia.

Arriva da Reggio Emilia una storia che ha dell’incredibile: una mamma, il cui figlio di nove anni è stato dato in affido da diverso tempo, si è vista elevare un multa di 400 euro per aver abbracciato il suo bimbo dopo 4 mesi che non lo vedeva.

LEGGI ANCHE: Piero Chiambretti sul Coronavirus: “Gli angeli che mi hanno salvato la vita”

L’abbraccio durante un incontro protetto

L’abbraccio tra il bimbo e la sua mamma è avvenuto durante un incontro protetto organizzato dai servizi sociali (si tratta di interazioni tra genitori naturali e figli in affido previste dalla normativa vigente).

All’incontro era presente un’educatrice che ha ingiunto il rispetto del distanziamento sociale. Il motivo addotto riguarda il fatto che madre e figlio non vivono sotto lo stesso tetto e che le interazioni fisiche dirette possono per questo rappresentare un vettore di contagio da SARS-CoV-2.

Davanti al rifiuto della madre, l’operatrice ha chiamato i carabinieri che, una volta intervenuti, hanno sanzionato la donna con una multa di 400 euro. Come sopra citato, l’incontro di cui stiamo parlando è stato il primo dopo tanto tempo. Prima dello scoppio dell’emergenza sanitaria, alla donna era concesso un incontro di un’ora a settimana. Nel corso del lockdown, si sono visti solamente in videochiamata.

Il 9 giugno, come appena detto, è avvenuto il primo incontro dal vivo, che rischia, come riportato dal quotidiano Il Giornale, di essere l’ultimo per la donna. La sanzione che le è stata comminata ha incontrato la contrarietà di Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia Coisp. A suo dire, la multa di 400 euro sarebbe un segno dell’inadeguatezza delle norme introdotte con l’emergenza Covid-19.

La vicenda è stata denunciata anche da Elisa Fangareggi, presidente dell’associazione Time 4 Life, che ha raccontato ai media la storia della donna, una ragazza madre che, ormai diversi anni fa, ha chiesto aiuto ai servizi sociali perché impossibilitata a conciliare gestione delle incombenze genitoriali e turni di lavoro.

LEGGI ANCHE: Arbitro fischia la fine della partita e si mette a piangere: ecco perché