Mamma aveva ragione: mangiare le caccole può causare seri problemi alla salute

scaccolarsi

Secondo uno studio, il 91% degli adulti ha ammesso di ‘scaccolarsi’, mettendo le dita nel naso. Ma non finisce qui: perché c’è chi compie anche l’azione estrambe: mangiare ciò che esce fuori…

Ora, come si legge su Business Insider, le caccole (il muco che si rapprende entro le narici) sono composte per lo più da acqua e proteine, ‘progettate’ per catturare e combattere i virus dannosi che possono entrare nel corpo attraverso il naso.

Le caccole sono, quindi, la prima linea di difesa contro i germi invasori. Ciò significa che sono ricoperte da tutte le cose cattive che hanno catturato. L’aria, poi, indurisce il muco, solidificandosi, che viene espulso quando si starnutisce o si soffia il naso, insieme a tutto ciò che è stato intrappolato.

Ma se, per qualche ragione, ci infiliamo il dito in bocca dopo avere pescato dentro al naso, stiamo mettendo tutti quei virus e batteri nocivi direttamente nello stomaco. E, mentre il corpo ingerisce le caccole, queste rilasciano gli agenti patogeni dannosi nell’organismo.

Alcune persone sostengono che mangiare le caccole possa effettivamente rafforzare il sistema immunitario esponendo il corpo ai batteri e ai virus. Ma, in genere, i rischi superano di gran lunga i potenziali benefici.

Uno studio del 2006 ha anche scoperto che chi suole mettersi le dita nel naso ha più probabilità di avere lo stafilococco aureo rispetto a chi non lo fa. I sintomi di un’infezione? Ascessi e foruncoli pieni di pus all’interno del naso e sul viso.

Insomma, non è meglio evitare?