Mangiano carne di tartaruga, 19 morti tra cui 9 bambini

Il dramma in Madagascar.

Image Credit: shamalov/DepositPhotos
  • In Madagascar 19 persone sono morte dopo il consumo di carne di tartaruga marina.
  • Tra le vittime anche 9 bambini.
  • La carne di tartaruga marina non va consumata durante la stagione calda: ecco perché.

L’intossicazione alimentare legata al consumo di carne di tartaruga marina ha ucciso 19 persone in Madagascar, tra cui 9 bambini.

Lo ha riferito l’Agenzia per il controllo della sicurezza alimentare. Un totale di 34 persone sono state ricoverate lunedì scorso, 15 marzo, in ospedale a Vatomandry e 10 sono morte lì.

Secondo il governatore di questa regione situata nella parte orientale dell’isola, 9 bambini sono morti nella loro casa, dopo aver mangiato la carne dello stesso animale. Il consumo di carne di tartaruga marina e di una ventina di specie di pesci è sconsigliato durante la stagione calda: queste specie si nutrono di alghe tossiche da novembre a marzo.

Ogni anno sulle coste del Madagascar si verificano decine di avvelenamenti da cibo, con morti frequenti. Nella stagione calda 2017-18 sono state registrate 16 vittime in due incidenti.

In Italia sono vietati la pesca, la commercializzazione e il consumo di tartaruga poiché molte specie sono in via d’estinzione. In Asia o in Africa, invece, la tartaruga è un ingrediente comune e diffuso, impiegato in tanti piatti tipici. Solitamente la carne di tartaruga che, ricordiamo, è un rettile, quindi con un sapore simile a quello del coccodrillo e delle rane, tra il pollo e il pesce, viene consumata in brodo (zuppa di tartaruga), oppure sotto forma di spiedini alla griglia.

Quello che evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, è il fatto che le carni di tartaruga non sono particolarmente interessanti dal punto di vista nutrizionale e per di più accumulano molti contaminanti come nel caso di questa tragedia, per cui perché continuare a mangiarne?

LEGGI ANCHE: Covid-19, l’immunologo Mantovani: “Attenzione alla quarta ondata”